Dimissioni Papa, Zingaretti: «Scelta difficile, assunta per il bene della Chiesa»

0
47
 

«Carissimi Fratelli, vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino».

Con queste parole, lasciando il mondo intero con il fiato sospeso, Benedetto XVI questa mattina ha annunciato le sue “dimissioni”. E le reazioni, naturalmente, non sono tardate ad arrivare. Per Nicola Zingaretti, il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Lazio «è una notizia che ovviamente turba, della quale si riconosce un incredibile coraggio per una scelta difficilissima e assunta per il bene della Chiesa».

Il candidato alla presidenza della Regione Lazio per il centro destra, Francesco Storace, nel corso di un incontro con la Federlazio ha detto di sentirsi «molto scosso per le notizie che vengono dal Vaticano. Un credente viene colpito da questo annuncio».

E «la decisione del Santo Padre di lasciare anticipatamente il suo Pontificato ci rattrista». ha dichiara in una nota Renata Polverini. «Comprendiamo le ragioni che lo hanno portato a questa dolorosa decisione, ammiriamo l'umiltà con cui ha annunciato il suo ritiro, e lo ringraziamo per essere stato in questi anni guida saggia e preziosa per i credenti e per i non credenti. Tanti sono gli insegnamenti che il suo Pontificato ci lascia e la sua preghiera continuerà a sostenere la Chiesa ed i fedeli».

E intanto padre Federico Lombardi portavoce della Santa Sede, durante la conferenza stampa convocata dopo l'annuncio delle dimissioni del Pontefice ha rassicurato: «Dal primo di marzo, dopo le dimissioni del 28 febbraio, inizierà l'iter per l'elezione del nuovo Papa. Non sappiamo ora la data del Conclave, ma ovviamente non ci saranno i novendiali (i 9 giorni di lutto dopo la morte del Pontefice) così nel giro di un paio di settimane, nel mese di marzo, e dunque per Pasqua avremo il nuovo Papa».