Romauno offre alla città la statua di Alberto Sordi

0
133
 

Imperatore nel cinema e papabile senatore a vita, Alberto Sordi è l'unico attore al mondo ad avere un monumento di se stesso. Una statua di marmo a grandezza naturale realizzata dallo scultore Benedetto Robazza commissionata dallo stesso Sordi che posò più volte a collaborò con lo scultore. La statua si trova nei giardini di Romauno la tv romana dedicata ad Alberto Sordi e che nacque proprio nel 2003 anno della scomparsa del grande attore romano. Fu Aurelia Sordi a proporre all'emittente di ospitare la statua voluta e commissionata dal fratello allo scultore Robazza.

Un'opera unica e straordinaria dedicata all'attore che di certo più di tutti incarna la romanità. In occasione del decennale della morte di Sordi Romauno ha messo gratuitamente a disposizione del Comune la statua e proposto all'Assessore alle politiche Culturali del Comune di Roma di esporre l'opera in una piazza della città a disposizione di romani e turisti. "Speriamo che la richiesta venga accolta" dice il direttore di Romauno Fabio Esposito.

La statua di Sordi, cento chili di marmo, lo raffigura sorridente nelle vesti di un imperatore romano, con un particolare cinematografico: la tunica è cinta da una pellicola. "Sordi ha detto che ha un che di michelangiolesco, la prima volta che ha visto la statua ultimata -racconta Robazza – Mi chiese lui di realizzare la statua in marmo e non in bronzo. La cosa e' nata sotto il segno di una reciproca simpatia: Sordi amava dire che io ero Sordi nella vita mentre lui lo era nel cinema. Da quando ci siamo incontrati mi misi subito al lavoro. In due anni ho fatto il suo monumento. Nella mia statua l'espressione di Sordi e' solare, cosi' come e' lui. Ho cercato di capirne l'anima".
Se gli organizzatori non dovessero accettare la proposta di Romauno sarà comunque possibile vedere la statua di Albertone che si trova nei giardini di Romauno all'Eur.

Se i romani volessero andare a visitarla e immortalarla l'ingresso è libero.

 

::La statua realizzata da Robazza::