Regionali, l’obiettivo di Zingaretti: «Convincere gli indecisi»

0
43

Da ieri è iniziato il conto alla rovescia degli ultimi giorni di campagna: nell’incontro a sostegno del candidato Riccardo Agostini, il candidato del centrosinistra Nicola Zingaretti ha parlato degli ancora tanti elettori indecisi. «Sappiamo che queste ore sono importanti perchè le persone decidono se votare e chi votare. Il nostro obiettivo politico è fare in modo che questa parte diminuisca molto. La cosa più importante questa volta è convincere le persone che ancora vale la pena battersi per la democrazia».

Un tema che ha attraversato tutta la campagna elettorale e che in questi ultimi giorni si sente ancora come più importante per l’esito delle elezioni. Un appuntamento, quello del prossimo fine settimana nel quale la coalizione di centrosinistra, se vincente, potrà realizzare i suoi obiettivi di rinnovamento, come ha spiegato lo stesso Riccardo Agostini: «Chiudere per sempre la pagina dei disservizi e del malaffare per ridare alla nostra Regione lo slancio giusto per fare da traino sui temi del lavoro, della cultura, della mobilità e del sostegno sociale. Occorre voltare pagina mettendo a disposizione di tutti competenza e passione».

In questo senso proprio ieri Zingaretti ha parlato di soluzioni concrete a problemi reali nel corso di un intervento a “28 minuti” negli studi di Radio2. «La struttura della casa di Peter Pan dovrà essere l’esempio del sistema di integrazione socio-sanitaria che intendiamo realizzare nella Regione Lazio ed è per questo che bisogna dargli subito il comodato d’uso gratuito ad una realtà che svolge un lavoro preziosissimo. Le case famiglia o case della salute, sono realtà socio-sanitarie bellissime che ricorrono alla passione e all’amore di tanti volontari offrendo un servizio di qualità e al tempo stesso permettono allo stato di risparmiare milioni e milioni di euro. Il comodato d’uso quando è destinato al sociosanitario credo debba diventare un sistema. Se non ci sono i soldi la risposta non può essere solo quella dei tagli. C’è un immenso patrimonio pubblico spesso non valorizzato e utilizzato».

Storie drammatiche e reali come quelle della cooperativa Peter Pan di Roma, che offre supporto ai bambini malati di tumore e che rischia di essere sfrattata per un drastico aumento dei canoni d’affitto da parte dell’ente regionale responsabile dei locali occupati dalla Peter Pan. «L’errore – ha poi proseguito Zingaretti – è stato quello di pensare di poter governare la sanità basandosi solamente sui conti applicando i tagli lineari. Si deve sicuramente fare un buon governo sui bilanci, ma sapendo che dietro quelle cifre ci sono vite, professioni e un diritto universale alla salute garantito dalla Costituzione italiana».

Negli ultimi giorni di campagna proseguiranno i numerosi incontri sul territorio come quello di domenica scorsa dove Zingaretti ha parlato con il mondo della protezione civile ricordando a volontari e responsabili delle associazioni «la necessità di una nuova legge regionale, mettendo al centro il cittadino e la prevenzione» e chiedendo più «efficienza della macchina amministrativa, più pianificazione e più trasparenza» anche in questo settore per far sì che anche la protezione civile del Lazio «torni ad essere un’eccellenza della nostra regione».

cinque