Fori pedonali: si parte il 30 luglio

0
17
 

Dopo la consultazione con il territorio e gli uffici comunali il progetto di pedonalizzazione dei Fori Imperiali potrà finalmente partire dal «30 luglio con la chiusura del traffico privato e con una nuova disciplina: potranno accedere in via dei Fori autobus, ncc, taxi e bici con un limite di 30 chilometri l’ora. Nella seconda fase, tra dicembre e gennaio 2014, allargheremo il marciapiedi da 3 a 6 metri, apriremo una pista ciclabile fino al parco del Colle Oppio, diminuiremo le corsie da 3 a 2 ed apriremo il varco Ztl all’incrocio tra via Cavour e via degli Annibaldi». Lo ha spiegato ieri lo stesso sindaco Marino al termine della Conferenza dei servizi, in un incontro cui hanno partecipato anche l’assessore alla Cultura Barca e quello alla Mobilità Improta.

«Durante la prima fase – ha spiegato – ci sarà una nuova disciplina per i bus turistici e gli assessori studieranno come modificare la deliberazione 37 del 2010 sul regolamento di circolazione e sosta dei bus, al fine di liberare il colle Oppio da questi mezzi. Per alleggerire il traffico, via Merulana sarà interdetta al traffico dei bus turistici da piazza San Giovanni. E stiamo studiando una soluzione con lo stesso obiettivo anche per il senso di marcia opposto».

Un progetto in più fasi, dunque, che prenderà vita in contemporanea ad altri lavori nell’area, come quelli per la metro C e l’atteso restauro del Colosseo, annunciato dallo stesso sindaco. «Oggi Roma Capitale consegna le aree adiacenti al Colosseo alla Sovrintendenza speciale dei beni archeologici di Roma. Si tratta del passaggio necessario per avviare, tra una decina di giorni, i lavori di restauro del Colosseo finanziati da Della Valle» ha spiegato il sindaco.

Soddisfazione anche da parte degli assessori. Se Guido Improta ha definito «un ottimo risultato» il dialogo con le varie forze del territorio, mentre per l’assessore Barca il progetto «è un primo passo verso una visione di trasformazione grossa del cuore della città» che «diventa qualcosa di più: avvicinare il patrimonio ai cittadini».

F.U.