Crisi, Marino: “Su alimenti invenduti nostro impegno già da 7 agosto”

0
39
 

“Il recupero e la redistribuzione, alle persone che ne hanno bisogno, dei beni alimentari che restano invenduti e non hanno più un valore commerciale è stato il primo pensiero di questa Amministrazione”.

Queste le parole del sindaco di Roma Ignazio Marino. “Già il 7 agosto – ha aggiunto -la giunta capitolina ha approvato una memoria a firma degli assessori Marta Leonori e Rita Cutini, che prevede la raccolta dei prodotti e la loro distribuzione attraverso associazioni di volontariato, onlus e organizzazioni di settore. Raccolgo le sollecitazioni di Giancarlo Giambarresi  sottolineando però che, rispetto al passato, l’impegno è stato di raggiungere i cittadini bisognosi in tutti i municipi.

Il progetto – ha concluso il sindaco – è rivolto a circa 330 grossisti e 900 tra mercati e supermercati per le confezioni danneggiate e per il pane che non è stato venduto a fine giornata”.