Sanità e sociale, per il Censis la famiglia resta sola ad arginare la crisi

0
82
     

La famiglia, vero ammortizzatore sociale anche a Roma e nel Lazio della crisi economica, anche per le spese sanitarie. A dirlo è uno studio del Censis secondo il quale le famiglie del Lazio spendono di tasca propria per le prestazioni sanitarie più di quanto avviene nel resto d’Italia e ricorrono spesso al privato e ai farmaci senza esenzioni. Nell’ultimo anno infatti nel Lazio l’88,7% delle famiglie ha sostenuto spese per acquistare farmaci a prezzo intero o per pagare i ticket in farmacia (il 78,2% nella media italiana), l’83,5% ha sostenuto spese per prestazioni ambulatoriali come visite mediche specialistiche o accertamenti diagnostici (il 60,3% a livello nazionale), il 43,6% per visite e prestazioni odontoiatriche private (contro una media del 38,6%).

Data la scarsa copertura da parte del sistema sanitario pubblico, negli ultimi due anni il 31% delle famiglie del Lazio ha effettuato solo le cure odontoiatriche indispensabili, preferendo strutture pubbliche o puntando al massimo risparmio in caso di accesso alle strutture private, anche rinunciando alla qualità. E il 23% è stato costretto a rinunciare. Come se non bastasse i tagli alla sanità pubblica hanno fatto la loro parte, e la riduzione dei posti letto per malati acuti e del personale medico-infermieristico e la conseguente riduzione dei costi hanno ridotto l'offerta di sanità pubblica.

LEGGI ANCHE: SANITÀ, RIVOLUZIONE RECUP E LISTE D'ATTESA IN 4 MOSSE

E' in questo contesto, spiega il Censis, che le reti di supporto familiare hanno un ruolo sempre maggiore, specialmente nell’aiuto a persone sole o malate, assistenza agli anziani, supporto ai giovani che non lavorano (nè studiano, spesso). Di fronte a tali sforzi privati aumenta il desiderio delle famiglie di essere supportate dal pubblico, ma in mancanza di sostegni economici concreti si continua a puntare sul risparmio e sulla razionalizzazione, con la riduzione di sprechi ed eccessi.

I settori in cui le famiglie cercano occasioni di risparmio, spiega il Censis, sono quello alimentare (il 64,5% nel Lazio e il 72,8% in Italia), alla convivialità del ristorante (il 53,2% nel Lazio e il 58,7% in Italia), fino agli spostamenti e ai mezzi di trasporto (il 48,6% nel Lazio e il 59,6% in Italia). Per questo i ricercatori hanno parlato di un welfare, così come strutturato oggi, sempre più insufficiente rispetto ai bisogni della società attuale, e hanno invocato la creazione di regole per un sistema più efficiente e più inclusivo di tutte le categorie.

cq

È SUCCESSO OGGI...

Fuga da Roma di importanti aziende. Conviene di più Milano e il Nord

Un vero e proprio bollettino di guerra quello che vede la fuga da Roma e dal Lazio di grandi compagnie  non solo italiane con conseguente emorragia di occupati che si dovranno trasferire nei centri...

Rapisce la ex e la picchia: in casa dell’aggressore hashish e cocaina

La donna, sconvolta, si è presentata di mattina presto presso il commissariato Primavalle raccontando di essere appena riuscita a scappare dall’ex compagno che l’aveva, poche ore prima, rapita. La donna, mentre si apprestava a recarsi...

Insospettabile spacciava in casa: arrestato 39enne

15.000 euro in contanti suddivisi e ordinati in banconote da 50: è quanto hanno trovato i cinofili e gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Esposizione, nell’appartamento di un romano di 39 anni. Da...

È morta Laura Biagiotti, la stilista era ricoverata in gravi condizioni dopo un malore

Non ce l'ha fatta. Laura Biagiotti è morta. La stilista, che avrebbe compiuto 74 anni ad agosto, era ricoverata da mercoledì sera all'ospedale Sant'Andrea di Roma dopo essere stata colpita da un arresto cardiaco. i...
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Roma, sequestrati oltre 100 chili di droga da parte dei carabinieri

Nel tardo pomeriggio di ieri, in località Casal Monastero, i Carabinieri della Stazione di Settecamini hanno arrestato 3 romani, 22, 31 e 37 anni, tutti già noti alle forze dell’Ordine, con l’accusa di detenzione...