Scandalo Atac, dopo la bufera la difesa di Ignazio Marino

Dopo la bufera il sindaco si dissocia dallo scandalo con una lunga conferenza stampa

0
225

Il sindaco Ignazio Marino è perfettamente consapevole dell’effetto devastante che la vicenda della falsa bigliettazione Atac ha su una opinione pubblica già ampiamente scontenta di un servizio pubblico di trasporto inefficiente, cosi in conferenza stampa sceglie una linea di difesa scontata ma efficace. «Io sono il sindaco del rinnovamento e questa mia volontà l’ho manifestata – dice Marino- ben prima che venisse fuori questo scandalo, azzerando in accordo con l’assessore Improta i vertici dell’azienda, fissando un tetto di 200mila euro a dirigenti che prima ne guadagnavano anche oltre 500mila e proseguendo nella azione di risanamento di Atac in gravi difficoltà».

Ma nell’annunciare la sua implacabile volontà di radicale pulizia non sfugge nemmeno la sua dissociazione dall’operato delle precedenti amministrazioni comprese quelle di sinistra. Io, sembra dire, l’esempio di discontinuità rispetto al passato l’ho dato, contrariamente a quanti nella sua maggioranza lo avevano accusato solo pochi giorni fa di scarso coraggio innovatore. Nel corso della conferenza stampa sembrano smorzarsi le dimensioni dell’affaire se è vero, come ha confermato l’assessore Improta, che una rigorosa auditing sul servizio di bigliettazione è stata condotta da società esterna dal 2011 al 2012 senza che venissero rilevate anomalie di sorta. Il che ha autorizzato il sindaco ad affermare apoditticamente che di biglietti falsi non ne girano più.

Non solo, e qui veniamo all’aspetto giudiziario, ma i procedimenti in corso da parte della magistratura, come ha riferito l’assessore ai trasporti, sono stati due contro ignoti, uno archiviato nei confronti di un dirigente e un altro conclusosi con il licenziamento di due dipendenti. Un pò pochino rispetto al clamore suscitato dal servizio giornalistico di Repubblica che invece scrive di uno scandalo ben più ampio che coinvolgerebbe dirigenti di Atac e i partiti senza distinzione di colore. Eppure è proprio sui procedimenti giudiziari che Marino, introducendo la conferenza stampa, aveva rivelato esserne in corso ben 15, confermatigli dal Procuratore Generale Pignatone e coperti dal segreto istruttorio. Rivelazione in palese contraddizione con quanto affermato dall’assessore che ha tentato poi di spiegare che si tratta di procedimenti pregressi.

Ma su chi e che? Su Atac in generale? O ancora sulla bigliettazione truffa? Su parentopoli o su altro ancora? A nostro avviso il chiarimento non è stato sufficiente e sicuramente ha messo in imbarazzo il sindaco di fronte ai giornalisti. Marino invece è stato molto chiaro nel ribadire la sua distanza dalle eventuali responsabilità della classe politica riaffermando la natura popolare della sua investitura e la sua immancabile fiducia nella coalizione che lo sostiene «tutta composta da persone per bene, ve lo assicuro». Quello che hanno combinato altri prima di lui non è affar suo. Infine una nota involontariamente comica. «Figuratevi – ha detto il sindaco- che danno all’azienda e al Comune ha provocato questa vicenda in una città dove già moltissimi non pagano il biglietto». E allora, aggiungiamo noi, fra biglietti falsi e portoghesi, quando mai si risolleverà Atac?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

È SUCCESSO OGGI...

Legacoop Lazio ha scritto una lettera aperta alla sindaca Virginia Raggi per chiederle un confronto sulle recenti decisioni della Giunta (Foto Pizzi)

La democrazia partecipata non è solo un click dei 5stelle

Una nota della sindaca Virginia Raggi e dei consiglieri del M5S di Roma Capitale annuncia che, dopo 23 anni dall’ultimo regolamento in materia di partecipazione popolare, è stata presentata una proposta di delibera di...

Chiude la figlia in macchina e va a giocare alle slot machines

In preda alla febbre del gioco, ha preso l'auto della donna per cui lavora come badante, ha parcheggiato nei pressi di un bar di Villanova di Guidonia, chiuso la figlia di 7 anni in...

Si mangia e beve a Marino: arriva il Castelli Food Truck Festival

Partirà sabato 29 aprile e proseguirà fino a lunedì 1° maggio l’evento denominato CASTELLI ROMANI FOOD TRUCK FESTIVAL, proposto e realizzato dall’Associazione “La Stanza delle meraviglie” in partenariato con l’Assessorato alle Attività Produttive del...

Mafia Capitale, quasi 500 anni complessivi di carcere chiesti dai PM per gli imputati

Erano 16 di 46 gli imputati del processo 'Mafia Capitale' che si sono presentati stamane nell'aula bunker di Rebibbia per ascoltare la requisitoria conclusiva dell'Accusa, in attesa della richiesta di condanne che i Pm...

Accendono il forno e prendono fuoco: feriti padre e figlia

Una fiammata li ha investiti non appena acceso il forno. Probabilmente per un fuga di gas ieri verso le 19.30 è divampato un incendo in una casa in via di Gricciano, nei pressi di Cerveteri....