Bilancio Roma, Alfio Marchini attacca a testa bassa Ignazio Marino

0
85

Mentre l’attività del Consiglio Comunale procede a singhiozzo, Alfio Marchini attacca a testa bassa e avverte i cittadini che i termini per l’approvazione del bilancio sono decaduti sabato scorso senza alcuna colpa della opposizione. Infatti, ad oggi, non è ancora iniziato  il dibattito su nessun emendamento nè sugli ordini del giorno presentati dalla sua lista. In questa situazione l’imprenditore ha invitato Ignazio Marino sindaco a chiedere scusa ai cittadini «per la propria inadeguatezza e alle opposizioni per averle descritte come irresponsabili ed eversive».

Irresponsabile è  stata invece «la sua politica del rinvio nella ostinata negazione delle vere priorità della Capitale. Dopo aver umiliato per sei mesi l’Assemblea capitolina, mai messa in condizione di deliberare alcunché, oggi scarica su di essa e sul prefetto il peso di tanta approssimazione». Marchini invece prende atto delle ultime dichiarazioni dei consiglieri grillini convinti che la maggioranza (Pd) «vuole mandare a casa il (suo) sindaco Marino».

«La maggioranza- denunciano i pentastellati – si è soprattutto interessata alle beghe interne e alla guerra a parte della giunta, quella meno partitica». Senza «accordo di maggioranza non si avanti» con il rischio che  l’ipotesi di commissariamento «come sostenuto nei corridoi anche da alcuni esponenti della maggioranza, diventa sempre più concreta».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]