Le Cooperative al Comune di Roma: annullare il bando asili nido

Lettera del presidente della Legacoop sociali ai rappresentanti della maggioranza e al presidente dell'assemblea capitolina

0
235

Che cosa è cambiato dopo l’uscita di quel famoso bando di anno fa, precisamente del 12 aprile 2013 con il quale il comune emanava un bando a procedura aperta per la gestione di 8 asili nido di infanzia? Proprio niente, a quanto pare. Sì perché nonostante le proteste delle cooperative e persino un ricorso al Tar, nessuno (nemmeno il Comune Roma) ha mosso un dito.

COSTI TROPPO BASSI PER IL CCNL – La questione riguarda in particolare i costi stabiliti per bambino, troppo bassi per fornire un servizio in linea con il contratto nazionale. Dopo aver in tutti i modi manifestato questa difficoltà è stato il presidente della Legacoopsociali del Lazio Pino Bongiorno ha scritto ai rappresentanti della maggioranza e al presidente dell’Assemblea capitolina Mirko Coratti per chiedere un intervento risolutivo proprio del Campidoglio alla vicenda. «Chiediamo un intervento urgente che annulli il bando e lo indichi nuovamente con nuove regole. Tale annullamento è ancora possibile». La protesta della Legacoop parte soprattutto dallo sconcerto provocato anche a livello delle famiglie a suo tempo dal bando. «In tutta la città si sono levate voci di protesta per la tariffa di 480 euro a bambino messa  abate d’asta e nettamente al di sotto di quanto stabilito da qualsiasi Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del settore».

CHIESTO L’INTERVENTO DEL COMUNE DI ROMA – Ora la vicenda è appesa a un ricorso al Tar del Lazio  che al momento è ancora pendente, in quanto non è stata fissata la data dell’udeinza. Ad avvalorare la richiesta di Legacoop non solo i dati del settore, come lo studio del Cnel del maggio 2010, ma anche una sentenza. Si tratta della 1372 del 1 settembre 2011 del Tar della Toscana che spiega come «il potere riconoscibile alla pubblica Amministrazione di sospendere, revocare e/o annullare le procedure di gara, soprattutto se nella fase endoprocedimentale dell’aggiudicazione provvisoria, è sempre esercitabile». Nessun freno dunque a un cambiamento, se non quello di un input chiaro da parte del Campidoglio. «La decisione da prendere è puramente politica» conclude Bongiorno, che ora aspetta una decisione (o almeno una risposta) dalla politica.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU CAMPIDOGLIO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”8″]

È SUCCESSO OGGI...

Lazio Ambiente, mancano dalle casse 12,5 milioni dei Comuni

Lazio Ambiente deve rimanere pubblica, si sono sgolati a dire sindacati e Comuni anche dopo il semi accordo con la Regione che di fatto ne rallenta la valorizzazione come aveva invece deciso  inizialmente il governatore...

Anguillara, esplosione in una villa: feriti e paura

Intorno alle 8.30, probabilmente per una fuga di gas, si e' verificata un'esplosione all'interno di una villetta ad Anguillara Sabazia, in via grotte di Castellana.   La deflagrazione e' avvenuta all'interno dell'appartamento al piano terra, dove...
Terremoto, nuove scosse nel centro Italia

Forte scossa di terremoto tra Lazio e Abruzzo: torna la paura

Una forte scossa di terremoto ha fatto tornare la paura tra Abruzzo e Lazio. Il sisma e' stato rilevato tredici minuti dopo le 4 del mattino. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e...

Storace insiste: «Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali»

E’ da qualche giorno che il vicepresidente della Pisana Francesco Storace batte sullo stesso tasto: Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali nel Lazio a novembre in concomitanza con le elezioni regionali in Sicilia. La...

Forte scossa di terremoto, giocatori del Frosinone fuori dall’hotel

La scossa di magnitudo 4.2 registrata tra Lazio e Abruzzo alle 4:13 della notte e' stata chiaramente avvertita dai giocatori e dallo staff tecnico del Frosinone Calcio. La squadra laziale e' infatti da giorni...