Comune di Roma, la Cgil: senza concertazione i problemi si aggravano

Incontro con il segretario regionale Claudio Di Berardino e quello della Funzione Pubblica Natale Di Cola. No ai tagli di spesa concentrati nel 2015

0
366

L’impressione diffusa è che l’opinione pubblica dei romani sia abbastanza ostile nei confronti dei ‘comunales’, soprattutto dopo lo ‘sciopero bianco’ dei vigili la notte di san Silvestro. Ma è anche vero che il malessere serpeggia fra i dipendenti capitolini.  Per questo abbiamo voluto ascoltare la campana dei sindacati con il segretario della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino e il segretario della Funzione Pubblica Natale Di Cola, approfittando dell’assemblea del Quirino per l’elezione delle rappresentanze sindacali della FP che verrà conclusa fra poche ore da Susanna Camusso.

Claudio Di Berardino: Le premetto, a scanso di equivoci, che sino ad oggi abbiamo lavorato per coniugare i diritti dei lavoratori con il diritto ai servizi dei cittadini, ma i risultati non si vedono perché spesso abbiamo trovato una amministrazione sorda alle nostre proposte. Quanto è successo quella notte è responsabilità del Comune che non ha voluto estendere ai vigili gli accordi di flessibilità che abbiamo fatto con i lavoratori del Trasporto pubblico locale, determinando così il caos. Una scelta politica vera e propria quella del Comune.

D: Ma l’ostilità popolare c’è….

CDB: Indubbiamente, anzi siamo convinti che a livello nazionale sia in atto una campagna per dividere i lavoratori pubblici da quelli privati, ripescando addirittura la propaganda di Brunetta sui ‘fannulloni’ del settore Pubblico. Una operazione che comunque non porterà da nessuna parte.

D: Torniamo a Roma. Qui mi pare di capire che vi siano due aspetti della questione: uno che riguarda la trattativa vera e propria (salario accessorio, riorganizzazione ecc.) l’altra che attiene al bilancio 2015.

Natale Di Cola: Domani abbiamo l’incontro decisivo nel quale avremo le risposte del Comune. Consideri che le nostre  proposte le avevamo avanzate ad ottobre e che questa partita  non si è chiusa con la riunione del 23 dicembre scorso.

D: E allora qual è adesso lo stato dell’arte?

NDC: Premesso che molte nostre proposte sono state recepite, resta il fatto che non sono ancora state attuate, per cui ad esempio, abbiamo chiesto ulteriori garanzie perché a tutti i lavoratori venga garantito il salario precedente, che al momento non ci sono….

D: Però il comune ha già stanziato 72 milioni per il salario accessorio…

NDC: …stanziarli non vuol dire spenderli, perché ad esempio dei 72 milioni dell’anno scorso 10 non sono stati spesi, mentre invece noi proponiamo di spenderli rafforzando i servizi.  L’impressione è che l’amministrazione voglia far cassa sulla pelle dei dipendenti.
Un’altra partita riguarda invece le vicende organizzative della scuola per le quali c’è il problema del rapporto degli insegnanti con i bambini, ma anche il prolungamento del lavoro delle maestre di 3 ore.

D: Siete invece d’accordo sul prolungamento dell’orario di lavoro per gli uffici aperti al pubblico?

NDC: Certamente, ma resta il fatto che ad esempio per i vigili non venga riconosciuto il lavoro notturno.

D: Torniamo al bilancio capitolino.

CDB: A noi sfugge quale sia il progetto del Comune per una ridefinizione della sua macchina amministrativa. Cioè come si vuole veramente innovare e riorganizzare il lavoro e i servizi. Lo dimostra la fatica che si sta facendo sul salario accessorio con una trattativa che non è legata ad una vera e propria riorganizzazione più efficiente del lavoro.

D: Sicuramente non vi sfugge che il Comune è vincolato al piano triennale di rientro, anche se non è chiaro perché voglia concentrare tutti i tagli per l’anno in corso.

CDB: Intanto ‘le carte’ continuano a mancare e quindi manca un giudizio sul merito, ma è evidente che concentrare in questo modo i tagli significa affossare ogni possibilità di ripresa per una città in ginocchio sotto il profilo economico e sociale.

D: E allora perché una scelta così drastica?

CDB: Forse per voler dimostrare a qualcuno di aver fatto i compiti a casa nel più breve tempo possibile.

D: Voi allora siete convinti che con la concertazione con le parti sociali si potrebbe percorrere una via diversa.

CDB: Purtroppo il sindaco non è su questa lunghezza d’onda. Ci rendiamo conto che il compito del sindacato non sta nelle scelte politiche, ma data la gravità della situazione sarebbe il caso di condividere obiettivi comuni. Comunque è chiaro che se cade anche la contrattazione la mobilitazione dei lavoratori è inevitabile.

D: Passiamo al problema delle corruzione e alla sorte dei dipendenti delle cooperative coinvolte nelle indagini. Questi lavoratori hanno un futuro più o meno garantito o no?

CDB: Ricordo che sul tema della corruzione la Cgil aveva avanzato proposte già nel corso della campagna elettorale, e fra queste proposte c’era proprio la rotazione dei dei dipendenti capitolini. Ma la rotazione, soprattutto per i vigili, richiede che si metta in moto una macchina di organizzazione con i relativi controlli. Per quanto riguarda invece i lavoratori delle cooperative coinvolte abbiamo chiesto garanzie alla Prefettura.

NDC: Solo che con il commissariamento delle cooperative formalmente il problema è risolto, ma ci sono delle difficoltà ad esempio nel credito alle aziende, perché stanno venendo fuori tutte le distorsioni del passato (affidamenti diretti, procedure non trasparenti ecc.)

D: C’è il caso specifico della Multiservizi che opera con Ama e per le scuole. Ci risulta che l’allora assessore alla scuola  Alessandra Cattoi avesse annunciato un bando per fine anno, mentre Ama stava valutando la posizione di questi lavoratori.

CDB: Per noi è un problema che va affrontato contestualmente alla discussione sul bilancio anche se per ora i servizi vengono forniti in regime di proroga.

D: Concludiamo sui rapporti con la Regione, possiamo dire che qui le cose vadano maglio?

CDB: Dal punto di vista del rapporto con il sindacato il tavolo di confronto prosegue e ha già prodotto scelte importanti sull’equità fiscale, così come sulla rimodulazione dei ticket sanitari. Inoltre c’è possibilità di dirottare fondi Europei sul piano condiviso per l’occupazione e il lavoro. Permangono invece situazioni di emergenza sia per la sanità pubblica che per quella privata.

D: Invece pare che la polemica fra  Campidoglio  la Regione sui fondi per il Tpl si stia arroventando.

CDB: Questo è un balletto che ogni tanto si ripete, ecco perché noi proponiamo una società unica per il trasporto pubblico regionale con la partecipazione di Cotral, Atac e Ferrovie che peraltro consentirebbe un taglio degli sprechi e rapporti più trasparenti con le stazioni appaltanti. Questa per noi è l’unica via d’uscita che eviti lo spezzatino delle società. Resta il fatto  che il rapporto con la Regione funziona, a dimostrazione che la concertazione non è una perdita di tempo.

[form_mailup5q lista=”campidoglio”]

È SUCCESSO OGGI...

Montanari: «Per tutto agosto pulizia grandi arterie stradali di Roma»

“Continuano per tutto il mese le operazioni di pulizia delle grandi arterie della Capitale iniziate lo scorso 6 agosto sulla via Laurentina. Fino a domani gli operatori di AMA lavoreranno su via Aurelia, poi...

Ladispoli, in piazza Rossellini a tutta musica

Sabato 19 e domenica 20 agosto in piazza Rossellini è di scena la musica con due eventi sponsorizzati da McDonald's. Si inizia il 19 agosto con “Soundtracks”, un concerto, diretto da Franco Pierucci,  in cui...

Frosinone, venerdì in scena la grande Orchestra sinfonica russa

Grande attesa, a Frosinone, per la serata-evento organizzata dal Comune in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e l’Ambasciata della Federazione Russa in Italia. Venerdì 18 agosto, alle 21, la rinnovata e suggestiva...

Fiumicino, borse di studio per diplomati e laureati: per le domande c’è tempo fino...

I diplomati e laureati nell’anno scolastico o accademico 2015-2016 residenti sul nostro territorio potranno presentare entro il 18 settembre la documentazione per ricevere una borsa di studio dall’importo variabile a seconda del numero delle richieste inoltrate. La domanda...

Chiusura in grande stile per il Valmontone Outlet con lo show “Live in Tokyo”...

Chiusura in grande stile per il Valmontone Outlet, la manifestazione che nei mesi di luglio e agosto ha ospitato concerti live e spettacoli gratuiti nel villaggio dedicato allo shopping in provincia di Roma. Sabato 19...