Comune di Roma, il flop dei vigili: a capodanno sms a morti e pensionati

In un'interrogazione parlamentare il retroscena: hackerato sistema informatico, fu usata una lista vecchia

0
311

Su quella notte di san Silvestro ci sarebbe da scrivere un vero e proprio noire: la fellonia dei vigili, il corporativismo della categorie da un lato. Dall’altro i sindacati che accusano l’amministrazione di inettitudine organizzativa, di sordità al dialogo e alla concertazione il tutto condito dalle esternazioni del Sindaco imbufalito e da una campagna di stampa che ha asfaltato una categoria già poco simpatica ai Romani e con la nomea della bustarella facile. Come di solito accade dopo lo scoop, le centinaia di assenti ingiustificati si vanno riducendo  a poche decine, senza che ciò abbia impedito a Renzi di puntare sul “brunettiano fancazzismo della PA”.

INTERROGAZIONE PARLAMENTARE – Così mentre Ignazio si incasinava il ginocchio nei boschi di Harvard fra scoiattoli e cervi, qualcuno preparava la polpetta avvelenata da presentare addirittura al Senato. Parliamo di Andrea Augello, ex An ora alfaniano, che ha presentato sulla vicenda una dettagliata interrogazione con risposta scritta  alla ministra Marianna Madia. Riassunti gli avvenimenti per come la stampa li ha riportati, il senatore contesta le percentuali di assenteismo riportate in un primo tempo. «Per cominciare – scrive- è falsa la percentuale dell’83% (di assenti) considerato che per la sera del 31 l’amministrazione poteva attivare l’istituto della reperibilità sulla squadra A, composta da poco meno di un migliaio di vigili, la metà dei quali si trovava in ferie e non poteva quindi essere inclusa tra le forze mobilitabili.» Secondo i dati raccolti (fornitigli) diligentemente dal senatore,  il 31 dicembre su 6.200 vigili i malati erano in tutto 571 (9%), i vigili in servizio erano 470 su circa 700 richiesti, con un buco del 33%. Con l’aggravante che solo alle 17 del 31 il Comando «decide di attivare l’istituto di pronta reperibilità della squadra A, a partire dalle ore 19.» Anche se era già noto che mancava  all’appello circa il 60% del personale calcolando i vigili malati, quelli in ferie e i donatori di sangue.

IL VIRUS INFORMATICO – Secondo Augello il Comando avrebbe dovuto attivarsi già il 30 «senza ridursi ad una disperata caccia all’uomo nelle ultime due ore precedenti l’inizio del turno.» Per di più alle 17,00 del 31 l’amministrazione non era in possesso del file aggiornato sui vigili della squadra A reperibili perché, «il 16 ottobre un virus contenuto in una mail inviata da un hacker, presumibilmente di Pietroburgo, aveva infettato parte del sistema informatico del Comando dei vigili, danneggiando alcuni archivi.» A parte il solito perfido Russo, in quel maledetto pomeriggio di fine d’anno qualcuno si  è preso la responsabilità di utilizzare «un elenco vecchio di almeno due anni «privo di qualsiasi aggiornamento rispetto al personale in ferie, a quello cessato dal servizio, a quello soggetto a provvedimenti disciplinari e persino ai vigili deceduti.»  Così, vista la “prescia” sempre cattiva consigliera,  si decidere di procedere alle convocazioni tramite sms, ma la sera di Capodanno i cellulari sono intasati dai messaggi augurali e magari qualcuno li tiene pure spenti.

SMS A MORTI, MALATI, SOSPESI, PENSIONATI – Morale della favola, centinaia di vigili in ferie, pensionati, malati, sospesi dal servizio e persino deceduti, sono stati raggiunti da un sms che comandava loro di presentarsi entro le ore19 “presso il comando ex sala mensa, munito di radio efficiente,per essere destinato al posto di servizio.” Sulle responsabilità Augello non ha dubbi e punta il dito sulla vice comandante del corpo Raffaella Modafferi fortemente voluta a quel posto da Ignazio Marino.  Quindi se la prende direttamente con il sindaco perché avrebbe nascosto alla stampa, all’opinione pubblica e al Governo «il pasticcio organizzativo di cui la sua amministrazione si è resa responsabile » senza nemmeno segnalare l’intrusione di un hacker nel sistema informatico. Intanto, come si suol dire, le indagini degli ispettori proseguono, ma l’impressione è che la vicenda si vada sgonfiando con grande imbarazzo di chi ha strillato più forte.

[form_mailup5q lista=”campidoglio”]

È SUCCESSO OGGI...

Uova contaminate con Fipronil: positività anche nel Lazio

L'indagine a campione sulle uova contaminate con Fipronil - un insetticida il cui uso è vietato negli animali destinati alla catena alimentare e ritenuto moderatamente tossico per l'uomo - che secondo fonti di stampa ha...

Frosinone, ordinanze antiprostituzione: multato il primo cliente

A seguito dell'ordinanza emanata, nei giorni scorsi, dal sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, per contrastare il fenomeno della prostituzione sul territorio comunale, si sono intensificati i controlli e le operazioni delle forze dell'ordine e...

Cerveteri, sarà intitolata a Gianluca Pennacchi la nuova Area Kitesurf a Campo di Mare

Sarà intitolata  alla memoria di Gianluca Pennacchi, kiters tragicamente scomparso in un incidente in mare nel giugno del 2009, la nuova Area Kitesurf di Campo di Mare a Cerveteri. Giovedì 24 agosto alle 18.45, è in programma una piccola...

Agente fuori servizio rincorre quattro giovani rapinatori: arrestati

Fondamentale, nell’arresto di tre rapinatori, è stato il ruolo di un agente della Polizia di Stato della Polaria di Ciampino che, libero dal servizio, ha visto quattro ragazzi accerchiare un loro coetaneo e strappargli...

Svuotano cantine di uno stabile con oggetti di valore: ripresi dalle telecamere

Hanno scelto una serie di cantine da “svuotare” in un complesso condominiale di via Luigi Lilio, nella zona di Tor Carbone. Quindi, dopo essere entrati indisturbati, hanno scelto numerosi oggetti di valore, tra cui un...