Campidoglio, parità di genere: scoppia la polemica

0
508

Non sappiamo quanto questo tema possa appassionare una opinione pubblica schifata dai funzionamenti dei mezzi pubblici, dalla raccolta dei rifiuti e della decadenza del decoro pubblico, tuttavia ci sono questioni di principio che regolano la democrazia. Parliamo della parità di genere nella composizione della giunta capitolina (e non solo) che potrebbe venire meno. Il testo della proposta di modifica dello Statuto di Roma Capitale, depositato il 4 aprile scorso dal consigliere M5S Angelo Sturni, lascia questo dubbio. Infatti attualmente il comma 3 dell’articolo 25 dello Statuto recita «fra i nominati è garantita la presenza, di norma in pari numero, di entrambi i sessi.» Nel nuovo testo cinquestelle oggi al vaglio della Commissione Roma Capitale, si legge solamente «fra i nominati è garantita la presenza di entrambi i sessi» punto e basta.

A motivare la proposta di modifica in Commissione è stato lo stesso Sturni: «Secondo noi – ha detto- il principio delle pari opportunità dovrebbe essere non sbandierato, ma ovviamente attuato» che non vuol dire proprio nulla anche se Sturni fa presente che il sindaco di Roma è per la prima volta una donna, il che di per se dovrebbe garantire le pari opportunità.   Poi precisa che «sia per la giunta capitolina che per quelle municipali, abbiamo riportato il rapporto tra gli assessori, le quote rose insomma, prima era 50 e 50 ora viene riportato a 60-40 che è quello previsto dalla legge. Significa che potranno essere 60% donne e 40% uomini o viceversa». Ma poi si scopre l’arcano è cioè che il Movimento non riesce a trovare un numero sufficiente di donne per i Municipi e per  Sturni si trattava di «una previsione molto rigida, e per questo abbiamo voluto riportare alla previsione normativa.» Altro che fake new come ha riferito successivamente alle agenzie.

Ovviamente durissime sono le reazioni della sinistra che delle pari opportunità è stata con successo una indomabile sostenitrice e le reazioni sono fioccate a decine. La consigliera  Giulia Tempesta ricorda che  «da anni siamo impegnati sul riequilibrio della rappresentanza e la promozione concreta delle pari opportunità»  e «conosciamo bene la legge 56 del 2014 e sappiamo anche quanto storicamente non sia stata rispettata, o meglio, disattesa, come dice la presidente della commissione delle elette Gemma Guerrini.» Quindi  la cancellazione delle parole chiave ‘di norma in pari numero’ appare dunque in tutta evidenza un passo indietro.  Magari, aggiunge «ci fossero giunte municipali o comunali con una presenza femminile pari al 60%, come afferma goffamente il presidente Sturni.»

Per Stefano Fassina consigliere ed esponente di Sinistra Italiana quella dei 5stelle  è una proposta inaccettabile perché si tratta di norme importanti per la democrazia  incluse anche nelle leggi nazionali. Inoltre « è irricevibile la giustificazione sbandierata: la presenza del Sindaco donna e dell’equilibrio di genere qui e ora è un dato congiunturale (cioè contingente ndr). I principi statutari sono, oltre che un messaggio generale alla città, un vincolo strutturale.»

Reazioni anche da molti consiglieri regionali di sinistra fra i quali  Marta Bonafoni di Mdp Articolo 1  che gche giudica la proposta di modifica un atto illegittimo «che spalancherebbe le porte a un pericoloso precedente, in un paese dove invece la parità di genere e la rappresentanza delle donne in politica faticano ancora ad affermarsi.» D’altra parte, prosegue  «i 5 Stelle non hanno mai brillato per sensibilità nei confronti di questo tema ma che questo colpo arrivasse proprio da una Giunta guidata dalla prima Sindaca donna della Capitale proprio non ce l’aspettavamo.»

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...