Monterotondo, è guerra al gioco d’azzardo

0
80

Avviare iniziative di forte sensibilizzazione sui rischi del gioco d’azzardo e chiedere nuove leggi nazionali e regionali che regolamentino il gioco e diano reale potere di agire ai Sindaci. Sono gli obiettivi del “Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo”, promosso dall’associazione delle autonomie locali “Legautonomie” in collaborazione con il magazine “Terre di mezzo”, a cui hanno già aderito oltre trecento Comuni italiani. Tra questi Monterotondo, la cui adesione sarà deliberata, su proposta del sindaco Alessandri, nella seduta del Consiglio comunale di giovedì 19 Dicembre.

«Quelli del gioco d’azzardo ancorché lecito – afferma lo stesso sindaco – sono numeri impressionanti: 80 miliardi di fatturato in Italia, 12% della spesa delle famiglie italiane, quasi mezzo milione di slot-machine, oltre 6mila agenzie autorizzate. Un fenomeno che attira mafie di ogni latitudine, microcriminalità, strozzinaggio e soprattutto provoca una dipendenza patologica che ogni anno produce gravissimi e spesso irreparabili drammi umani, familiari, sociali ed economici».

«Degli oltre 15 milioni di giocatori italiani abituali – conferma l’assessore alla Sanità Antonini – due milioni sono infatti a rischio patologico e almeno 800mila già malati conclamati. Le persone più interessate al gioco e quindi maggiormente esposte al rischio di sviluppare patologie appartengono oltretutto a fasce deboli e fragili della società: indigenti, lavoratori saltuari, cassintegrati, sempre più giovani e giovanissimi. Nemmeno i bambini sono al riparo: l’8% tra i sette e gli undici anni gioca a soldi online, il 15,3% scommette nei giochi offline. Le conseguenze rappresentano una vera e propria emergenza: vulnerabilità psicologiche, difficoltà relazionali, logoramento di rapporti familiari, vessazioni da parte di usurai, perdita del lavoro, suicidi».

Fenomeni devastanti ma poiché il gioco d’azzardo lecito è materia statale, i Comuni non hanno per contrastarli alcun potere regolativo, ispettivo o tanto meno autorizzativo.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU MONTEROTONDO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”55″]