La nuova discarica in provincia di Roma, è battaglia in Consiglio Metropolitano

0
706

È battaglia alla Città metropolitana sulla scelta del futuro sito di stoccaggio dei rifiuti, che stando ai primi documenti e rivelazioni la sindaca Raggi vorrebbe sceglierlo tra i paesi della vicina provincia. Una vecchia diatriba che non hanno potuto evitare neanche i “rivoluzionari” grillini al governo.

Oggi si è riunito, dopo due mesi, a Palazzo Valentini il Consiglio Metropolitano. Durissimo l’attacco di  Federico Ascani, capogruppo de “ Le Città della Metropoli “ che ha denunciato la «gestione confusa e dirigistica della Sindaca Raggi e del Vice Sindaco Fucci ( peraltro assenti ) sull’Ente, fermo da mesi e ancora senza un  Bilancio. L’ostinazione con la quale, malgrado la mancanza dei numeri in aula, La Sindaca ed il suo Vice si ostinano a non coinvolgere le altre forze politiche nel governo del territorio ha fatto  precipitare la Città Metropolitana in una sorta di limbo degli Enti addormentati. A fronte di questa denuncia sia il capogruppo del Movimento 5 stelle Ferrara e ancor più il consigliere De Vito hanno platealmente preso le distanze dalla gestione del duo Raggi – Fucci, ed in particolare  De Vito ha chiesto una seria riflessione al loro interno».

 

Intanto fa discutere il documento inviato dalla Città Metropolitana di Roma Capitale a tutti i sindaci del territorio provinciale che saranno costretti a fare i conti con ipotesi di future discariche nei loro territori. Lo scopo del lavoro realizzato dal governo a Cinque Stelle della Città Metropolitana di Roma Capitale, infatti, è quello di fornire una mappatura delle aree idonee a ospitare impianti di trattamento, recupero e smaltimento rifiuti da poter mettere a disposizione delle amministrazioni locali.  «Dai puntini rossi posizionati sulla mappa, si evince che i grillini vogliono trasformare la provincia nella discarica di Roma – si legge in una nota del il deputato dem, Emiliano Minacci – come se il Grande Raccordo Anulare fosse un vero e proprio spartiacque tra due mondi diversi. In altre parole: Roma produce i rifiuti, i Comuni della sua area metropolitana li raccolgono e li smaltiscono. Sia chiara subito una cosa – continua –  questo non lo permetteremo. I primi a opporsi a questa ipotesi scellerata devono essere proprio i sindaci metropolitani che hanno 60 giorni di tempo per presentare le loro osservazioni a un piano fatto con i piedi che rischia di mettere in ginocchio i nostri territori creando una frattura sostanziale tra la città e il suo hinterland.  Gli impianti per chiudere il ciclo dei rifiuti servono, anche urgentemente: ne siamo tutti consapevoli e in quest’ottica le Istituzioni hanno il diritto e il dovere di concorrere alla risoluzione di un problema che rischia di diventare sempre più drammatico. Proprio per questo, però, ciascuno deve fare la propria parte di lavoro: Roma in primis».

LASCIA UN COMMENTO

È SUCCESSO OGGI...

Letture e suoni dedicati a Pio VI nell’evento serale di sabato 19 agosto al...

Un serata all’insegna dell’arte recitativa e musicale quella che si appresta a vivere il pubblico del Museo di Roma Palazzo Braschi. Grazie alla collaborazione con il Teatro di Roma, sabato 19 agosto, in occasione...

Ostia, ladro si getta nel mare. Poi l’intervento della polizia

E’ successo sul litorale di Ostia. Ha rubato una bicicletta ad un pescatore e poi è scappato. Il ladro, inseguito dal proprietario, ormai senza via di uscita, in prossimità di un pontile, ha lasciato la bicicletta...

Donna fatta a pezzi e gettata nei cassonetti a Roma, fermato il fratello

Si è appena concluso con il fermo da parte del fratello della vittima, il mistero delle due gambe ritrovate ieri sera all’interno di un cassonetto in Via Maresciallo Pilsudsky. Ieri, intorno alle 20, una ragazza...

Sere d’incanto ai Castelli Romani

Un weekend all’insegna del relax, e con proposte soprattutto serali, come nella migliore tradizione dell’estate castellana. Meno “fitte” del solito ma alta qualità, ed accessibilità, le visite targate “Cose Mai Viste”. Domenica mattina 20 agosto...

Orrore a Roma, trovate le gambe di una donna dentro un cassonetto

Orrore a Roma. Dentro un cassonetto per l'immondizia, in viale Maresciallo Pilsudski di fronte al Galoppatoio, sono state trovate due gambe apparentemente di una donna, tagliate all'altezza dell'inguine. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Scientifica...