Sulle accuse dei Radicali a Zingaretti il Pm chiede l’archiviazione

L'udienza prevista il prossimo venticinque novembre. Si chiude così una polemica elettorale

1
215

Il Pm chiede l’archiviazione per le indagini che hanno riguardato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti con le accuse di falsità ideologica e truffa allo Stato ai tempi della campagna elettorale della scorsa primavera. Segno che, del polverone alzato dai Radicali ai tempi delle ultime regionali, pochi mesi dopo lo scandalo Fiorito-Maruccio delle spese pazze in Regione, non rimangono nemmeno le polemiche. Già, perché mentre l’ex presidente correva per la corsa alla presidenza della Pisana, i due consiglieri Radicali uscenti,  forse “piccati” per il mancato reinserimento nelle liste elettorali (così ipotizzò lo stesso Zingaretti) tirarono fuori questa storia per scaricare sul candidato di centrosinistra polemiche, fango e informazione “contro”.

In sostanza i Radicali “scoprono” che il 15 febbraio 2008, un giorno prima di accettare la candidatura alla Provincia di Roma, Zingaretti (all’epoca parlamentare europeo in carica dal 2004) era stato assunto dai Ds a tempo indeterminato. I Ds pagavano lo stipendio all’attuale presidente della Regione, ormai eletto in Provincia, e Palazzo Valentini lo rifondeva al partito assumendosi una serie di obblighi di legge. Ma mentre tutto questo rappresentava una procedura regolare e permessa dalla legge, i Radicali sospettavano fosse un contratto di lavoro fittizio, una sorta di “scialuppa di salvataggio” organizzata per far sì che, eletto presidente o anche semplice consigliere provinciale, Zingaretti potesse usufruire dei benefici previdenziali derivanti dal legame con Palazzo Valentini.

Partiva da qui un’indagine fortemente voluta dai Radicali, ma che si è infranta nel nulla, per un politico come Zingaretti che ha sempre svolto i propri incarichi all’interno del partito alla luce del sole e per la sua esperienza politica riconosciuta anche dai massimi vertici. Per il Pm non ci sono aspetti anomali nella vicenda, ma i Radicali continuano a chiedere un supplemento di indagini, e sperano di essere soddisfatti nell’udienza del Gip prevista per il prossimo 25 novembre. Ma la richiesta di archiviazione sembra porre la parola fine a questa triste vicenda di campagna elettorale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI CINQUE QUOTIDIANO

[wpmlsubscribe list=”9″]

1 COMMENTO

Comments are closed.

È SUCCESSO OGGI...

FURTO tolfa

Paura a Tolfa, scoperto mentre tenta il colpo in una villa

Momenti di paura ieri sera a Tolfa. Nel corso di servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato un...

Calciomercato Lazio, contatto con l’Atalanta per Gomez

La Lazio insiste con l'Atalanta per Alejandro Gomez. "El Papu", tra i migliori attaccanti del campionato nella stagione appena conclusa, è stato recentemente blindato dalla società bergamasca ("è incedibile, stiamo lavorando per il rinnovo e...

Rubano auto e rivendono i pezzi in tempi record

Tempi da pit-stop per due giovani romani che si erano specializzati nello smontare in pochi minuti auto rubate di piccola e media cilindrata. Alcuni giorni di indagini a cura degli investigatori della squadra di polizia giudiziaria della...
bova francini teatro brancaccio

Teatro Brancaccio, la nuova stagione 2017/2018

Il Teatro Brancaccio di Roma ha presentato la sua nuova stagione, quella 2017/2018. Una programmazione che si articola su diversi spazi. Con una linea tematica che abbraccia gli umori delle tendenze contemporanee. E con...
civitavecchia carabinieri auto

Scippo e rapina a tempo di record a Cerveteri

Questa mattina, nel giro di poco tempo i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato un 35enne romano, abitante a Cerveteri, già noto alle forze dell’ordine, responsabile di uno scippo e una rapina commessi...