Alfio Marchini, un ritorno che pesa sul futuro di Ignazio Marino

Ha lanciato una raccolta di firme "Basta farci del male": 13 proposte su diversi temi per migliorare la qualità di vita dei romani

0
170
Alfio Marchini ritorna e punta il dito contro Ignazio Marino

Alfio Marchini che alle comunali ottenne quasi il 10% dei consensi presentandosi sulla scena politica romana da perfetto sconosciuto ai più, riprende l’iniziativa. Così sabato in piazza san Lorenzo in Lucina ha lanciato una raccolta di firme che i suoi seguaci proseguiranno su tutti i municipi con il suggestivo slogan “Basta farci del male” .

Tredici proposte su temi che spaziano dalla modifica dell’addizionale Irpef comunale per tutelare i redditi più bassi, all’abolizione delle auto blu con il dirottamento del personale al trasporto di disabili e studenti, sino alle norme anti-Parentopoli per le assunzioni nelle municipalizzate e infine per la semplificazioni per le imprese.

Con la sua prima uscita ha già raccolto mille adesioni, anche se sarà possibile firmare ogni sabato fino al 1° febbraio in tutti e quindici i municipi della Capitale. «Le nostre proposte – ha spiegato Alfio Marchini – possono migliorare da subito la qualità di vita dei romani».

Questa campagna propositiva fa seguito ai 130 mila fra emendamenti e odg presentati dalla sua lista (lui e Onorato dopo la defezione di un consigliere eletto), che in queste ore l’assemblea capitolina sta sfoltendo a rotta di collo, per approvare il bilancio preventivo (sic) del 2013. Il giudizio dell’imprenditore sull’operato di Ignazio Marino è nettamente negativo tanto da preferirgli un commissario che almeno sistemi i conti del Comune, che per il 2014 saranno ancor più dissestati.

Spiazzata la destra corresponsabile del disastro attuale, Marchini finisce per far emergere le contraddizioni della maggioranza e di quella parte del Pd che lo avrebbe voluto candidato al Campidoglio e che oggi si sente esclusa da un sindaco con tanta buona volontà ma che  deve affrontare i mostruosi problemi di una megalopoli che non conosce. Per di più Alfio gode di consensi ampi fra quell’imprenditoria che si sente soffocata dall’immobilismo della giunta.

Così ieri se ne esce sul quotidiano comunista il Manifesto per spiegare che lui non è l’uomo di Caltagirone e poi per illustrare le sue posizioni che obiettivamente di destra non sono. Esclusa la possibilità che Marchini cada nella rete dell’inciucio o del compromesso visto che campa del suo come d’altronde Ignazio Marino, la partita si gioca tutta sul futuro.

Infatti una parte del Pd (e forse ora anche qualche spezzone di Sel che non si sente rappresentato dal vice sindaco Nieri) teme che attorno al sindaco  si vada verificando un vero e proprio smottamento dei consensi. Non a caso si continua a vociare di rimpasto dopo l’approvazione del bilancio. Gioco che a Marchini non interesserebbe visto che proclama di non ambire a poltrone per sè ed i suoi.

Il suo ragionamento va oltre al rimpasto eventuale e guarda al baratro dei conti del prossimo anno che davvero potrebbero riproporre l’ipotesi del commissariamento ove non si provveda a misure radicali, aumento delle tasse incluso. Su questa certezza l’imprenditore tende la mano solo se verrà coinvolto in una seria due diligence sullo stato delle finanze comunali. Nel frattempo altra acqua passerà sotto i ponti del Pd dopo la sicura elezione di Renzi alla segreteria.

Nuove scomposizioni e ricomposizioni, il futuro del governo Letta e la prospettiva delle elezioni europee ed amministrative del prossimo anno. E pare proprio che a quest’ultime guardi Marchini per proporre le sue liste in molti comuni d’Italia. Intanto lui parte da Roma che, contrariamente a Milano e Torino, è il ventre molle del Pd che amministra, recuperando visibilità e prestigio.

Salvo collaudare la sua macchina da guerra elettorale tutta popolo e territorio e ben lontana dalla “forma partito” tradizionale. Sin qui le intenzioni o le ambizioni di Marchini che potrebbero porre la sinistra romana e Ignazio Marino ad un bivio: o continuare ad attaccarlo come uomo di Caltagirone e dei poteri forti, oppure coinvolgere Marchini per quello che rappresenta,  imprenditori e ceti medi produttivi.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SUL CAMPIDOGLIO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”8″]

È SUCCESSO OGGI...

Palestrina, arrestata spacciatrice di cocaina. Segnalati altri 2 ragazzi

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Palestrina unitamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, nel corso degli ultimi fine settimana,  hanno intensificato i controlli nel centro storico di Palestrina per contrastare e prevenire...

Falso allarme bomba a Termini: ecco quanto acacduto

Un bagaglio abbandonato a piazza dei Cinquecento, dentro la galleria Termini centrale, ha fatto scattare un allarme bomba. Gli arteficieri sono intervenuti sul posto, hanno messo in sicurezza l'area e hanno trovato all'interno del...

Lazio, il Consiglio approva il taglia leggi regionale

Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato all'unanimità la proposta di legge n. 68 "Disposizioni per la semplificazione normativa e procedimentale e abrogazione espressa di leggi regionali", di iniziativa della Giunta regionale. Sono 446...

Meleo: «Nel IX Municipio arriva bike sharing grazie a fondi europei Horizon 2020»

Nel IX Municipio arriva il bike sharing con 6 nuovi e-hub, veri e propri posteggi innovativi, con 13 bici a pedalata assistita ciascuno, per un totale di 78 mezzi che saranno a disposizione dei...

Cocaina sotto la tappezzeria: presi 3 pusher a Roma

E’ di tre pusher finiti in manette il bilancio dei servizi antidroga portati a termine dagli investigatori della Polizia di Stato nella Capitale. Il primo arresto è stato effettuato dagli agenti del commissariato Esquilino, che  nel...