La Regione dice no all’elettrodotto Sagittario

Mozione a firma Pd chiede lo stop alla riattivazione dell'opera che taglia in due i quartieri di Tivoli e Villa Adriana

0
321

La Regione Lazio dice no alla riattivazione dell’elettrodotto Sagittario nella tratta Salone-Castel Madama. Il documento, presentato oggi pomeriggio dal Gruppo consiliare del PD è a firma dei consiglieri Massimiliano Valeriani, Rodolfo Lena, Marco Vincenzi (capogruppo) e Cristiana Avenali del Gruppo consiliare “per Il Lazio”.

L’opera taglierebbe in due i quartieri densamente popolati di Tivoli e Villa Adriana ed insisterebbe su palazzi e scuole.
La mozione chiede un intervento della Regione Lazio contro la riattivazione a “tutela della salute delle comunità interessate” che il Comitato tiburtino contro l’elettrodotto ed il Circolo Legambiente di Tivoli chiedono dal 2005.

“La mozione – spiega Vincenzi – impegna il presidente Zingaretti ad intervenire per impedire la riattivazione dell’elettrodotto 66kw, Prenestina – Sagittario, nel tratto compreso tra Salone e Castel Madama. Quando è stato realizzato, negli anni 30, passava su aree di campagna che negli anni, però, hanno subito una forte urbanizzazione. Pensiamo solo ai quartieri di Villa Adriana, Tivoli Terme e alla stessa zona Empolitana. In alcuni casi i cavi passano addirittura in prossimità di scuole dell’infanzia e abitazioni. Tra l’altro, la linea è in disuso da anni, anche se Rete ferroviaria italiana si ostina a perseguire un progetto di potenziamento con gravi rischi per la salute dei cittadini. Già quando ero sindaco di Tivoli nel 2006 – continua Vincenzi – avevo promosso una conferenza di servizi e avevamo concordato di modificare il tracciato. Successivamente, sindaco Baisi, il comune di Tivoli aveva proposto percorsi alternativi su aree con minore densità demografica e meno impattanti dal punto di vista paesistico e archeologico. Ne è nato un contenzioso con Rfi che si continua a trascinare nelle Aule del Consiglio di Stato. Bisogna superare al più presto questa situazione di incertezza».

Il Comitato e Legambiente Tivoli ricordano di aver presentato all’assessore Refrigeri una proposta di percorso alternativo molto meno costosa di quella approntata a suo tempo dal Comune di Tivoli e che Rfi stimò nel 2009 in 2.500.000 euro.
Nella relazione tecnica allegata alla proposta del Comitato tiburtino, è stata inoltre documentata la rete aggiornata di distribuzione Enel e Acea con punti di prelievo di energia elettrica che renderebbero inutile la ricostruzione/riattivazione dell’elettrodotto.

Questa seconda ipotesi consentirebbe un ulteriore notevole risparmio, tale da consentire lo spostamento dei fondi in direzione dell’eliminazione dei vecchi tralicci arrugginiti dai giardini delle abitazioni e dai ruderi della Villa romana dei Pisoni  che si trova lungo il percorso pedonale tra Villa d’Este e Villa Adriana che, grazie ai fondi regionali FESR Lazio 2007-2013 destinati alla “Valorizzazione e promozione del patrimonio culturale e paesistico nelle aree di particolare pregio”, il Comune di Tivoli sta realizzando.

È SUCCESSO OGGI...

Cerveteri, caso autovelox: assolti sindaco e assessori

Si chiude a Cerveteri il caso autovelox: con sentenza della Corte dei Conti è stata assolta la giunta comunale che il 21 maggio 2014 aveva affidato con delibera la gestione del rilevamento della velocità...

Campidoglio, al via piano anti-terrorismo

Rafforzamento dell’area pedonale di via del Corso, nel tratto che va da Piazza del Popolo a Largo Goldoni, con il posizionamento di fioriere e divieto d’accesso al Colle capitolino per ncc e taxi. Queste le principali misure...
Sgombero Polizia Locale Roma

Roma, nuovo sgombero dei rifugiati accampati a piazza Indipendenza

Nuovo sgombero in corso per i rifugiati accampati in p.za Indipendena davanti allo stabile di via Curtatone sgomberato giorni fa dalle forze dell'ordine. Dopo il completamento, annunciato ieri sera dal Campidoglio, del censimento delle...

Roma, gestione di rifiuti abusiva e furto di corrente: cognati in manette

Un impianto risultato totalmente abusivo dove veniva esercitata la gestione di rifiuti pericolosi è stato scoperto in zona Marconi nell'ambito di mirate attività di indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma relative all'azione...

Uova contaminate, rilevate due nuove positività dai Nas

"Le attività di controllo da parte dei Carabinieri dei NAS, attualmente in piena fase esecutiva sull'intero territorio nazionale, hanno evidenziato due ulteriori positività di uova contaminate per presenza della sostanza insetticida denominata finopril rispetto...