Regione Lazio, sfruttare l’occasione dei Fondi strutturali europei

Necessaria la sinergia con i finanziamenti di Stato e Regione. Le linee guida regionali ora all'esame del Consiglio

0
155

Partiamo da un assunto: i fondi europei per lo sviluppo regionale non sono semplici risorse finanziarie. Spesso lo si dimentica: e non si dovrebbe. Quando si esaminano i 2.7 miliardi di euro che nei prossimi sette anni arriveranno alla nostra Regione il pensiero deve subito andare a quello che essi ci obbligano a fare. Altrimenti si capisce poco di quello che è in gioco.  E quello che, pur in maniera soft, l’Europa ci “impone” con i fondi sono, essenzialmente, tre cose. Tanto semplici da scrivere quanto complicate da attuare.

OBIETTIVI DI INTERESSE EUROPEO – La prima è indirizzare le scelte politiche verso obiettivi d’interesse europeo. La seconda è trasformare l’organizzazione amministrativa per essere in grado di spendere, e bene, i fondi. La terza è lavorare con una precisa metodologia operativa: che va dall’obbligo di costruire un partenariato vero, alla definizione di obiettivi dell’intervento finanziato per poterlo poi valutare ed eventualmente modificare. Questi “doveri”, sono, ovviamente, più incisivi se non rimangono a sé stanti e si integrano con l’attività “normale” della Regione. I fondi strutturali – è chiaro – diventano più forti, se lavorano “insieme” alle altre risorse di cui dispone l’Amministrazione regionale: se, insomma, Europa, Stato e Regione agiscono in sinergia. E’ con queste lenti che dobbiamo guardare alla “Linee di indirizzo per un uso efficiente delle risorse finanziarie destinate allo sviluppo 2014-2020” adottate il 3 marzo dalla Giunta Regionale ed attualmente all’esame del Consiglio regionale. E se riusciamo ad osservarlo con questo atteggiamento il documento disegna un possibile cambiamento di volto della nostra regione. Vediamo perché. In primo luogo assumono una loro fisionomia  le finalità stabilite a livello europeo – innovazione e lotta all’esclusione sociale – che guidano, debbono guidare, la programmazione regionale. Due finalità che si adattano perfettamente ad una regione che può puntare su aree di eccellenza scientifica e tecnica e che, d’altra parte, evidenzia al suo interno forti problematicità proprio sul profilo dell’integrazione. Accanto ad esse vi è l’attenzione – tutta nuova – dell’Europa per le aree metropolitane, a cui deve essere riservata una quota di risorse. Mai come questa volta può dirsi, le priorità europee sono quelle che ‘vanno bene’ alla nostra regione. E da qui nascono l’attenzione all’Agenda Digitale, alle politiche per l’innovazione, all’energia sostenibile e, d’altra parte, quelle per l’occupazione e la formazione dei lavoratori e per contrastare la povertà.

FONDI EUROPEI NELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE – A questo primo dato che emerge dal documento se ne aggiunge un secondo. E’ la prima volta che i Fondi europei si ‘immettono’ nell’attività di programmazione ordinaria della Regione e contribuiscono al raggiungimento dei suoi obiettivi politico-amministrativi. Le  Linee di indirizzo delineano un assetto in cui non ci sono canne d’organo, insomma, ma un lavoro condotto in piena collaborazione dei diversi attori dello sviluppo. Le risorse nazionali, regionali e comunitarie sono ‘casseforti’ diverse che vanno a finanziare un disegno unitario delineato a partire dal programma di governo del Presidente Zingaretti, passando dal Documento di programmazione economica e finanziaria sino ai diversi atti programmatici attualmente in preparazione. Vi è, infine, nel documento il richiamo al già ricordato metodo amministrativo europeo, fondato su modalità operative fondate su collaborazione e sinergia. Anche qui un passaggio cruciale per un’amministrazione tradizionalmente poco abituata a lavorare ‘attorno’ ad obiettivi condivisi, dividendosi i compiti tra i diversi livelli di governo. Anche su questo le linee di indirizzo rivelano passaggi chiari: dall’azione della Cabina di Regia istituita nel 2013 presso l’Assessorato al Bilancio proprio per assicurare che i Fondi strutturali siano gestiti con una ‘testa’ strategica comune; all’individuazione dei punti problematici dell’economia regionale; all’attenzione per le ‘azioni cardine’ ed a quella per la valutazione; alla previsione di risorse per rafforzare la capacità amministrativa.

DEFINIRE STRATEGIA REGIONALE – Indicazioni europee, quindi, che servono per definire una precisa strategia economica della regione; per allinearvi tutte le risorse finanziarie a disposizione; per riarticolare un’amministrazione per troppo tempo disabituata ad un lavoro di squadra. La sfida è quella di costruire ‘attorno’ a queste indicazioni un Lazio con un’identità strategica e più forte e affidabile dal punto di vista amministrativo. Un passaggio cruciale per i prossimi anni, dunque: che serve al Lazio e che, in un momento di disaffezione verso la costruzione comunitaria, serve anche all’Europa.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SU REGIONE LAZIO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”51″]

È SUCCESSO OGGI...

Lite tra vicine finisce a colpi di pistola: un arresto

La lite, avvenuta ieri sera in un condominio di via Motta Camastra, al Casilino, sfociata in un tentato omicidio, è nata probabilmente per futili motivi. A scatenare la violenza  banali rancori tra vicini protrattisi...

Violento scontro a Roma su via Cristoforo Colombo: traffico in tilt

Bruttisimo incidente stradale su via Cristoforo Colombo in direzione Ostia. Due le moto coinvolte. Il sinistro, secondo le prime ricostruzioni, si è verificato sulla carreggiata centrale all'altezza di via di Acilia, che è momentaneamente chiusa in...
MONTEROTONDO

Roma, controlli nei luoghi della movida: denunce e locali sanzionati

Dalla serata di ieri e per tutta la notte, i Carabinieri della Compagnia Roma Trionfale e della Stazione Roma Ponte Milvio, supportati da Carabinieri del N.A.S., del Nucleo Ispettorato del Lavoro e delle unità...

Roma, controlli nelle agenzie di scommesse e sale videolottery: 4 esercizi chiusi

Si sono protratti per tutto il giorno i controlli degli agenti della Polizia di Stato, impegnati nelle verifiche presso le agenzie di scommesse e le sale videolottery della zona di San Paolo. I poliziotti del...

Ostia, tour “stupefacenti”: agenzia di viaggi utilizzata come serra

In seguito ad una breve indagine, gli investigatori della Polizia di Stato del commissariato di Ostia hanno scoperto che un romano di 48 anni, era solito spacciare nella sua abitazione e così,  si sono...