Regione Lazio, terre ai giovani. Il 25 maggio scade il bando

Rilancio per l'agricoltura. Parla Antonio Rosati, commissario straordinario dell'Arsial

0
217
Arsial orto

“Siamo arrivati a una svolta importante: all’incontro tra Governo e industria agroalimentare. Per la prima volta il presidente del Consiglio Renzi e’ venuto al Vinitaly, una manifestazione che si e’ rivelata un grande successo, a dimostrazione che il made in Italy e soprattutto l’agroalimentare italiano sono una grande occasione per creare lavoro e ricchezza”. Cosi’ Antonio Rosati, commissario straordinario dell’Arsial (Agenzia regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura del Lazio), interpellato dall’agenzia Dire.

TERRE AI GIOVANI –    “Da questo punto di vista- prosegue- ricordo che oltre il 50% del bilancio dell’Unione europea e’ agricoltura. L’Italia in questo settore ha una carta straordinaria da giocare e nel Lazio ci stiamo organizzando proprio in questo senso”. A tale proposito Rosati ricorda il bando regionale ‘Terre ai giovani’: “Dopo quaranta anni in Italia, com’e’ noto, abbiamo fatto questo bando per assegnare ai giovani agricoltori 330 ettari di terra. Con l’occasione voglio ricordare che le domande scadono il prossimo 25 maggio e subito dopo insedieremo una commissione che valutera’ i piani aziendali. È una cosa su cui puntiamo con grande forza, perche’ finalmente delle terre incolte tornano all’agricoltura. Ora- conclude il commissario straordinario- speriamo solo di avere successo e di ricevere molte domande”.

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SULLA REGIONE LAZIO DIRETTAMENTE NELLA TUA MAIL

[wpmlsubscribe list=”51″]

È SUCCESSO OGGI...