Rugby serie B/4: la dodicesima di campionato

0
101

 

Il Segni la spunta proprio sul filo di lana grazie al contestatissimo calcio piazzato di Pennese e si lancia in beata solitudine all'inseguimento della capolista Avezzano. E' questo il filo conduttore di una dodicesima giornata di campionato che però, per la verità, segna anche il secondo stop consecutivo del Frascati che dopo la sconfitta di Napoli in casa della Partenope esce con le ossa rotte anche dal viaggio in casa del Gran Sasso.

Cerchiamo di andare però con ordine partendo proprio dal derby casilino che, come detto, viene deciso proprio all'ultimo istante da Pennese che ribalta la situazione che si era venuta a creare al 37' dopo il calcio di Giacomi e che sembrava proiettare il Colleferro verso il successo del rilancio. E invece niente di tutto questo: nonostante una buona prestazione gli uomini di Montella devono accontentarsi di un solo punto segnando di fatto un addio decisamente troppo anticipato ai sogni di gloria, anche se l'obiettivo dichiarato dal club non puntava troppo in alto. E in ogni caso fino a questo momento di soddisfazioni la società rossonera se ne sta regalando tante. Di contro, i quattro punti ottenuti dai rossoverdi di Vari sono più che sufficienti per restare nella scia della capolista. L'Avezzano, infatti, nel pieno rispetto di un copione facile facile si sbarazza con risultato cestistico del fanalino di coda Trepuzzi e guadagna ancora un punto di vantaggio in più rispetto alle inseguitrici.

La sorpresa di giornata arriva però, come detto, dalle pendici del Gran Sasso dove un Frascati già piegato sette giorni prima dalla Partenope Napoli si esibisce in uno sgraditissimo bis, andando a infilare una terza sconfitta stagionale che complica maledettamente le cose. Le distanze dal Segni si attestano ora sui cinque punti e questo significa che, con lo scontro diretto comunque da giocare fuori casa, per inseguire almeno la seconda piazza servirà un rendimento eccezionale. «La stagione è ancora lunga e la matematica non ci condanna – dice un mister Livio Pa- ladini comunque molto dispiaciuto -. Sapevamo che sul campo del Gran Sasso sarebbe stata difficile e così è stato». Il 12- 8 finale testimonia una gara difficile, giocata soprattutto in mischia e con pochi acuti.

Vittoria di misura anche per la Neroniana Anzio di mister Cutitta che si sbarazza del Benevento per 12-11 e resta nella parte centrale della classifica. Considerato il ritmo infernale delle formazioni che precedono in classifica ogni velleità di possibili inserimenti in alta quota è preclusa, e l'importante sarà ora chiudere la stagione del debutto in serie B nel migliore dei modi. Nella prossima giornata di campionato ecco lo scontro diretto tra le prime due della classifica: il Segni riceve l'Avezzano in un match al quale guarda con interesse soprattutto il Frascati. I giallorossi tuscolani avranno comunque il compito di battere il Palermo, mentre la Neroniana è attesa dalla facile trasferta nel Salento. I rossoneri invece andranno in quel di Benevento.