Mondiali, girone non facile per l’Italia

0
21

Cresce l’attesa per il sesto appuntamento con la “Coppa del Mondo” di beach soccer, l’evento che, dal primo all’undici settembre, vedrà le sedici nazionali più forti dei cinque continenti affrontarsi sulla spiaggia di Ravenna. Con il sorteggio dei gironi avvenuto ieri a Roma prende forma la manifestazione che, per la prima volta si svolgerà in Italia dopo le prime tre edizioni (2005, 2006, 2007) andate in scena a Rio de Janeiro, una a Marsiglia nel 2008 e l’ultima, nel 2009, disputata a Dubai. Dal 2009 in poi la Fifa ha deciso di far giocare l’evento con cadenza biennale. Sinora sono 13 le nazioni sicure del  pass mondiale, con le ultime tre che invece usciranno fuori dal torneo di qualificazione sudamericano di Rio,  in programma dal 31 luglio al 7 agosto, dove i padroni di casa reciteranno da protagonisti.

Due le nazioni che hanno scritto il proprio nome nell’albo d’oro, la Francia, a sorpresa trionfatrice nella prima edizione, e il Brasile (4 titoli consecutivi).  Per quanto riguarda il Mondiale di Ravenna l’urna non è stata certamente benevola per la Nazionale azzurra di Massimiliano Esposito, chiamata ad affrontare i vice campioni della Svizzera, il Senegal e l’Iran. Nel girone B ci saranno invece El Salvador, Portogallo, la seconda qualificata dal sudamerica e l’Oman; nel girone C sono inserite Tahiti, la terza squadra sudamericana, Nigeria e Russia; mentre il girone D sarà composto dal Brasile, che deve comunque ancora qualificarsi, Ucraina, Giappone e Messico. Se il Brasile non staccherà il visto verrà sostituito dalla prima nazione sudamericana. «Certamente non è un girone facile – commenta Massimiliano Esposito – ma neanche il peggiore. La Svizzera la conosciamo bene, in questo io preferisco sempre affrontare un team contro cui ho giocato spesso piuttosto che una squadra sconosciuta. Da quello che sto vedendo nel campionato italiano – continua l’allenatore azzurro –  il nostro livello di gioco è alto. Costruendo la squadra su 3-4 pedine di esperienza possiamo fare bene».

Praticamente sicuro del posto è il capitano Michele Leghissa, in forza ai lidensi della Colosseum, che a Ravenna sarà al quinto mondiale personale. A Marsiglia Leghissa è stato tra i protagonisti del secondo posto, miglior piazzamento italiano a un Mondiale. «Dal mio punto di vista – commenta il capitano – poteva andare meglio. Contro Svizzera e Senegal ci sarà da lottare. Fondamentale puntare sul gruppo per passare per primi il turno e incontrare il Brasile più avanti nel torneo. Da quello che vedo nel campionato – termina l’azzurro Leghissa – in Italia abbiamo raggiunto un ottimo livello, con squadre come Terracina, Catania, Roma Beach Soccer e Milano che esprimono un ottimo gioco, poi ci siamo anche noi della Colosseum». Leghissa e compagni esordiranno il primo settembre alle ore 18.30 contro l’Iran.  

Paolo Pizzi