Morciano fuoripista all’ultimo giro

0
20

Non so cosa dire, mi spiace. In griglia ero indietro, ma sono partito alla grande e stavo facendo una bella gara. Ho dato il massimo per tutta la corsa, lottando nel gruppetto per la zona punti. Stava andando tutto bene, ma proprio all’ultimo giro mi sono ritrovato fuori pista, perdendo così la possibilità di portare a casa una bella soddisfazione. Ora voglio mettermi tutto alle spalle e proiettarmi al prossimo gran premio».  Queste le parole di un amareggiato Luigi Morciano, sfortunato protagonista del Gp del Mugello, svoltosi domenica scorsa. “Gigio”, protagonista nel motomondiale classe 125, è stato a un passo dal coronare il sogno dei primi punti stagionali. Il pilota anziate, partito indietro nella griglia di partenza è riuscito a recuperare molte posizioni, tallonando per oltre quaranta minuti il gruppetto dei più veloci. Quando la zona punti sembrava a portata di mano è arrivato un incredibile fuoripista proprio all’ultimo giro, con Morciano costretto al ritiro dinanzi a un pubblico caloroso che lo aveva sostenuto fin dalle qualifiche.  

Qualifiche ancora una volta condizionate dalla pioggia, anche se i piloti del Team Italia Fmi si erano distinti con alcuni giri veloci, in particolare nel warm up domenicale, con Morciano sugli scudi con un best lap di 2’02”817. Non ha giovato ai piloti “azzurri” neanche il gemellaggio con gli atleti della Nazionale di rugby, che lo scorso 2 luglio sono stati ospiti nel paddock della scuderia italiana. Una visita molto gradita quella di Cittadini, Gori e Pratichetti, che si sono intrattenuti con Morciano e Tonucci ricevendo anche un caloroso in bocca al lupo in vista dei mondiali in Nuova Zelanda previsti per settembre. Il Gp del Mugello è stato vinto in volata da Terol, che ha bruciato nel rettilineo finale il francese Zarco, con la terza piazza conquistata da Vinales. Prossimo appuntamento il 17 luglio con il Gp di Germania. 

 Marcello Bartoli