Finplanet, mister Matranga vuole i tre punti

0
71

Dopo essere stata battuta nella gara di esordio nel massimo campionato italiano di calcio a 5 dal Montesilvano, la Finplanet è attesa dalla trasferta in Sicilia in casa dell’Augusta, gara valevole per la seconda giornata.

“Sarà una trasferta molta difficile” – ammette senza tanti giri di parole il tecnico Roberto Matranga – “giocheremo in un clima molto acceso con un pubblico caloroso e partecipe. L’Augusta è una squadra molto rinnovata rispetto allo scorso anno, ma nonostante tutto nutro il massimo rispetto anche della sua compattezza che ha dimostrato, specie nella gara di esordio contro l’Asti, in cui ha perso di misura dimostrando una grande solidità difensiva. La formazione di Vaz mi piace ed ha un giocatore come Saviotti davvero sopra le righe”.

Mister Matranga è molto concentrato in vista della trasferta siciliana alla quale prenderà parte tutta la truppa rossoblu al completo. Da verificare solo le condizioni fisiche di Gabì che hanno tenuto il talento brasiliano già fermo in occasione della sfida di sabato scorso. Di certo rientrerà Crivellaro dalla squalifica.

“I ragazzi in settimana hanno lavorato sugli errori commessi” – continua il tecnico degli aeroportuali – “analizzando bene le disattenzioni difensive che hanno generato la sconfitta contro il Montesilvano. A livello di prestazione non ho nulla da rimproverare perchè hanno lottato fino alla fine. È chiaro che in certe gare e soprattutto contro certi giocatori come Borruto, non devi mai perdere la concentrazione altrimenti rischi di compromettere il risultato. Ad Augusta ci aspetta una gara molto complicata. La Società siciliana ha da anni un progetto serio che la vede protagonista in serie A e poi giocheremo in un ambiente caldo ma di fronte ad un pubblico che si è sempre distinto per la sua correttezza. Spero di portar via punti fondamentali come accaduto a Regalbuto in A2”.

Il tecnico romano ricorda perfettamente la trasferta dello scorso anno con la quale ci sono tante analogie. “Anche lo scorso anno venivamo da una cocente sconfitta” – ricorda Matranga – “a Genzano incassammo sei reti, eppure nella trasferta di Regalbuto riuscimmo nell’impresa di centrare i tre punti utili per farci riacquisire quella fiducia che poi è valsa il primo posto e la conseguente promozione in serie A. Da questo punto di vista la trasferta di Augusta capita al momento giusto per dimostrare di aver superato la prima sconfitta in campionato e soprattutto per dare un segnale importante di esserci e di voler lottare per i nostri obiettivi”. Ad Augusta si giocherà alle ore 17 e la squadra partirà con la consapevolezza di voler ripartite dall’ottima prestazione di sabato scorso, ma con la speranza di veder invertito il risultato finale.     

È SUCCESSO OGGI...

Frosinone, ritiro rifiuti ingombranti sabato 26 agosto

Sabato 26 agosto la campagna di sensibilizzazione per il ritiro dei rifiuti ingombranti, realizzata dal Comune di Frosinone in collaborazione con l’Impresa Sangalli, farà tappa nel parcheggio di piazzale Vienna (Quartiere Cavoni). Dalle 8...
Scoperta camera da letto

Lui morto da giorni, lei disabile: ecco la drammatica scena trovata dalle forze dell’ordine

Drammatica scena trovata dalle forze dell'ordine. Lui, 80 anni, riverso sul pavimento, morto presumibilmente da alcuni giorni per cause naturali e in stato di decomposizione. Lei, la sorella maggiore, 87 anni, impossibilitata a muoversi dal...

Ciampino, distrugge il recinto di una casa e scappa simulando il furto di una...

La Polizia Locale di Ciampino ha denunciato a piede libero un cittadino, di nazionalità romena, che si è dato alla fuga dopo aver causato un incidente andando a urtare contro la recinzione di una...

Ostia, trovano la moglie chiusa in bagno e lui con una lametta in mano

Aveva già scontato un periodo di detenzione per violenze domestiche, al termine del quale era stato riaccettato in casa dalla moglie, alla quale aveva promesso di  cambiare. Dopo un periodo di relativa calma, però, era...

Roma, anziani maltrattati dai propri figli: 2 arresti della polizia

Una donna di quasi 90 anni in terra ed il figlio che, mentre la colpiva con dei calci, continuava a ripetere “alzati, stai facendo la scena, alzati e smettila di gridare altrimenti i vicini...