Santolamazza: “Il gruppo c’è, ora facciamo uscire la nostra anima da combattenti”

0
83

Le novità decise dal direttivo di lunedì sera arriveranno nella giornata di oggi, ma abbiamo incontrato l’allenatore Romolo “Spartacus” Santolamazza per scambiare due chiacchiere dopo la sconfitta di domenica contro il Fiumicino.

Mister, il Guidonia è all’ultimo posto della classifica. Domenica contro il Fiumicino la squadra ha dato segnali di ripresa ma ha perso 2-0.

“Sì, il Guidonia non meritava di perdere per le occasioni create. Tuttavia c’è un significato dietro agli errori commessi in zona gol. Quando scendi in campo con la paura di sbagliare alla fine sbagli. In questo momento i giocatori vedono la classifica, si ricordano degli errori commessi nelle gare precedenti e sbagliano di nuovo. Serve un risultato positivo per uscire dal momento difficile”.

A dicembre si aprirà la finestra di mercato. Il Guidonia prenderà nuovi giocatori?

“Ho parlato chiaro con la società. Servono dei rinforzi. Il direttivo si è messo a completa disposizione e cercherà di rinforzare il Guidonia”.

Ma in questo momento c’è un gruppo all’interno dello spogliatoio oppure vede una squadra spaccata, anche a causa della mancanza di risultati?

“Vede, c’è un momento preciso nel quale un allenatore capisce di aver formato una squadra. Si tratta dell’istante in cui vedi i giocatori esultare per un grande gesto di un compagno. Spero di vedere presto un’immagine del genere anche a Guidonia. Ma non sono preoccupato, i ragazzi sono uniti. Sono giovani, hanno solo bisogno di più umiltà. La posizione di classifica ci vede all’ultimo posto, questo significa che il programma di crescita richiede ancora molto tempo. Per migliorare l’attenzione verso il lavoro deve essere costante”.

Il prossimo turno propone la sfida contro il Cecchina terzo in classifica. Un impegno sulla carta impossibile per i giallorossoblù.

“Ma non ho paura. Quando si affrontano undici campioni contro undici combattenti esce fuori sempre un solo risultato: la vittoria dei combattenti. Per questo penso positivo. Prima o poi la squadra farà il salto di qualità e a quel punto non si fermerà più. Forza Guidonia”.