Con Cremona servirà un’altra Virtus

0
23

Dimenticare subito il passo falso di Siena e contare sul fattore campo. Domenica sera al PalaTiziano (inizio ore 18,15), la Virtus Roma affronterà la Vanoli Cremona con il solo obiettivo di conquistare i due punti. Un match che, almeno sulla carta, vede il quintetto romano partire con i favori del pronostico. Una gara dove la Virtus ritroverà come avversario Attilio Caja, storico allenatore giallorosso, che da lunedì ha preso il posto di Tomo Mahoric. Per preparare l’appuntamento oggi la squadra effettuerà uno scrimmage contro Veroli. Cancellare la sconfitta di sabato scorso contro la Montepaschi Siena non è però facile. Più che la sconfitta, che comunque può starci, contro una formazione che da anni domina il campionato come quella toscana, ciò che ha destato preoccupazione è stato l’andamento della gara. Il punteggio finale di 85 a 52 descrive appieno l’atteggiamento avuto dai ragazzi in campo.

Coach Lino Lardo ha faticato a trovare scusanti sul comportamento dei ragazzi: «Voglio prendere l’aspetto positivo, se mai ce ne fosse uno, lo sto cercando ma non lo trovo. Da domani riprenderemo a lavorare con molta più attenzione di quanto abbiamo fatto fino ad ora. Nelle precedenti partite la nostra attitudine difensiva è stata buona, questa volta siamo stati molli e non riesco a capire il perché. I giocatori non hanno dato quello che mi aspettavo, il centouno per cento che mi aspettavo. Sinceramente speravo di trovare una squadra più reattiva. Contro Siena tutti sono stati insufficienti, io per primo, probabilmente non siamo ancora maturi per giocare una partita del genere». Contro Cremona bisognerà vedere in campo un’altra Virtus. 

 Paolo Pizzi