Futsal, Ripesi: \”domenica una finale scudetto\”

0
31

LA GRANDE ATTESA. Ormai siamo all’antivigilia dell’attesa sfida tra Cogianco Genzano e Canottierilazio Futsal, che domenica 13 novembre, alle 18:30, si affronteranno al PalaCesaroni in una partita valevole per la settima giornata del Girone B della Serie A2; una gara, questa, che dentro serba motivazioni ben più profonde di quelle legate ai semplici tre punti in palio: “E’ una partita che in questi giorni sta assumendo un valore sempre maggiore – dice il mister della CLF, Marco Ripesi – l’attenzione degli addetti ai lavori e degli appassionati di Calcio a 5 dimostra che c’è grande attesa” e non è un caso, infatti, che la gara venga trasmessa in diretta dalle telecamere di RaiSport 1: “Sembra una finale scudetto – prosegue Ripesi – e la stiamo preparando come merita”. Indubbio che si tratti di un appuntamento importante per il Futsal “e noi della Canottierilazio non vediamo l’ora di giocarla, al pari, ne sono certo, dei ragazzi della Cogianco”.

UNA GARA DIVERSA. La Canottierilazio Futsal arriva a questo match con la determinazione dei forti e con tutti i propri giocatori a disposizione: “In settimana siamo stati molto meticolosi e abbiamo prestato grande attenzione ai particolari, preparando la gara ad hoc – spiega Ripesi – E’ inutile negarlo, domenica affronteremo una gara diversa da quelle che abbiamo disputato sinora e proprio i particolari possono determinare il risultato finale, nel bene o nel male”. Ripesi, però, non vuol sentir parlare di gara decisiva per il titolo: “Assolutamente. E’ importante per il primato, certo, ma il campionato è talmente lungo che inciderà all’1% sulle possibilità di vincere il Girone alla fine della stagione”.

INIZIATIVA PREGARA. La Cogianco “è una squadra forte e valida, costruita per vincere il campionato”, come la CLF. Entrambe (probabilmente) meriterebbero di partecipare al prossimo campionato di Serie A; per ora sono accomunate dal primo posto in classifica (frutto di sei vittorie in altrettante partite) e dalla bella iniziativa che domenica, prima della gara di campionato, porterà ad affrontarsi sul parquet del PalaCesaroni due rappresentative di giovanissimi (nati dal 2000 al 2004) dei due club: “E’ una cosa che mi fa immensamente piacere  e – dice il mister della Canottieri – fatta salva la rivalità sportiva è con iniziative come questa che due società dimostrano la propria grandezza, la serietà e l’attenzione nel fare il bene di questo nostro bellissimo sport”.

L’ESPERIENZA CONTA. Si gioca, come detto, al PalaCesaroni e l’atmosfera sarà davvero intensa: “Giocare in un palazzetto gremito come sarà, certamente, quello di Genzano, per noi è un grande stimolo. Ci sarà una cornice fantastica, di quelle che vorremo respirare e vivere ogni fine settimana”. E lo spettacolo cui assisteranno gli spettatori presenti, oltre a quelli sintonizzati sulla RAI sarà avvincente, grazie a due squadre composte da talenti eccezionali: “La Cogianco – ammette Ripesi – ha tantissima qualità ed è difficile trovarle punti deboli. In partite delicate come quella di domenica, però, conta tanto anche le personalità e l’esperienza che hanno giocatori come Grana e che, per fortuna, hanno anche molti dei miei ragazzi”.

MOTIVAZIONI NATURALI. Tra questi ragazzi ce ne sono tre che in settimana sono stati impegnati in un raduno con la nazionale maggiore, agli ordini del ct Roberto Menichelli. Nessun disagio dal non aver avuto nel gruppo i nazionali, proprio prima di una partita così importante: “Affatto; anzi fa molto piacere che tre de nostri siano stati in Friuli per vestire la maglia azzurra, acquisendo esperienza e motivazioni ulteriori a quelle, grandi, che già hanno. Sono particolarmente contento per Miarelli, che è un talento eccezionale e lo dimostra gara dopo gara”. Prima della gara Mister Ripesi non dirà nulla di speciale ai suoi “perché queste sono partite che si motivano da sole, i ragazzi le sentono”. E non solo loro.