Italia-Uruguay, festa tricolore all’Olimpico

0
13

Sarà prima di tutto una grande festa. Mancano poche ore al fischio d’inizio di Italia-Uruguay, l’amichevole di lusso che questa sera si disputerà allo Stadio Olimpico alle ore 20.45, ma l’aria di festa si respira già. La Nazionale italiana scenderà in campo a Roma con una nuova maglia ispirata al 150° anniversario dell’Unità. Una divisa che accompagnerà gli azzurri fino all’Europeo 2012 in Polonia e Ucraina. Ma non sarà solo questa la novità della serata romana. Mister Prandelli darà anche un volto nuovo alla formazione che sfiderà l’Uruguay: la coppia Balotelli-Pazzini che ha fatto faville con la Polonia verrà sostituita dal duo Balotelli-Osvaldo, con il romanista che per la prima volta sarà in campo dal primo minuto e nel suo stadio.

Il tecnico azzurro si affiderà al collaudato 4-3-1-2 con lo schieramento ufficializzato dopo l’allenamento di ieri  ovvero: Buffon; Maggio, Ranocchia, Chiellini, Balzaretti; De Rossi, Pirlo, Marchisio; Montolivo; Osvaldo, Balotelli. Nella ripresa Prandelli dovrebbe cambiare modulo tattico e far entrare Pepe; giustamente l’amichevole serve per fare esperimenti. Ma l’Uruguay, che ha vinto la Coppa America, ed è arrivato 4° al Mondiale è un osso duro e Prandelli lo sa bene e di sicuro non vuole perdere in questa giornata di festa. Intanto la Nazionale sarà ricevuta questa mattina al Quirinale dal Presidente della Repubblica. Un altro bel momento istituzionale dopo la presenza azzurra a Rizziconi (Reggio Calabria) per giocare su un campo costruito su un terreno sequestrato alla ‘ndrangheta. Questa sera poi sarà festa anche per Gigi Buffon, che eguaglierà Dino Zoff in fatto di presenze in Nazionale, ben 112.

Tra le altre iniziative in programma per ricordare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia circa 6 mila bambini delle scuole calcio realizzeranno allo stadio una coreografia tricolore, e a intrattenere il pubblico nel prepartita ci penserà Alex Britti con le sue canzoni. Dando un’occhiata alle statistiche: su 7 precendi tra Italia-Uruguay il bilancio è in parità con 2 vittorie azzurre, 2 della celeste e tre pareggi. Le due nazionali si sono già incontrate a Roma ai Mondiali di Italia’90: in quell’occasione finì 2-0 per gli azzurri, a segno Schillaci e Serena.