Lazio, serve più attenzione in difesa

0
21

Con l’Augusta abbiamo dominato, ma non siamo stati abbastanza cinici da chiudere subito l’incontro e abbiamo rischiato di pareggiare. Ora ci aspetta una trasferta per niente facile in casa del Putignano, ma dobbiamo andare lì consapevoli della nostra forza». Come sempre Luca Ippoliti ha le idee chiare, la sua Lazio nell’ottavo turno di campionato ha superato 5-4 la formazione siciliana con le doppiette di Pereira e Salas e con la rete firmata proprio dal bomber biancoceleste. Nove gol in tutta la partita (considerando la doppietta di Ferrari, la rete di Saiotti e l’autorete di Pereira) che hanno incrementato il bottino di questo turno di campionato, raggiungendo il record di ben 52 reti.

Ma i numeri che contano di più sono quelli della Lazio, che con questi tre punti si porta da sola a quota 19 dietro alla coppia di testa Marca-Luparense con 22 punti, e davanti all’Asti (16), che ha rifilato un 6-2 proprio al prossimo avversario dei biancocelesti, ovvero lo Sport Five Putignano. La formazione di Daniele D’Orto in attacco dimostra di essere al pari di Marca (31) e Luparense, con 32 gol segnati in otto gare, ma lamenta qualche lacuna difensiva visti i 25 gol incassati, e con le due rivali che invece hanno numeri molto inferiori rispettivamente 16 e 9. Forse qualcosina andrà rivista in questi giorni durante la preparazione della trasferta di Putignano. «Con l’Augusta abbiamo preso un paio di gol fortunosi – aggiunge Luca Ippoliti -, però dobbiamo fare più attenzione. Con i pugliesi sarà una partitaccia, loro sono molto organizzati, hanno un tifo importante. Ci aspetta un match molto duro a livello fisico, noi dovremo mettere tanta grinta e voglia di vincere».

Gianna De Santis