La Maratona di Roma diventa un film per il cinema

0
16

La Maratona di Roma diventa un film per il cinema. A produrlo, riferisce l'organizzazione della maratona in una nota, è una società cinematografica statunitense, la “26.2 Productions”, che per qualche mese girerà nella Capitale con mezzi imponenti di ripresa. Titolo del film è “Spirit of the Marathon II-La Maratona di Roma”, sequel di “Spirit of the Marathon”, film documentario girato nel 2008 all’interno della Chicago Marathon acclamato dalla critica (vincitore di due premi: Audience Choice Award al Chicago Film Festival e Best Picture Award al Mammoth Film Festival) e autore di risultati di rilievo al botteghino (oltre 1 milione di dollari di incasso solo negli Usa).

Per il secondo episodio gli autori hanno scelto la Maratona di Roma del 18 marzo. Il film, della durata di circa due ore, uscirà a marzo 2013 (in distribuzione mondiale al cinema, e successivamente in Tv e DVD/blu-ray). Racconterà le storie di sette runners di ogni livello, dai maratoneti all'esordio ai top runner. Le riprese saranno effettuate a Roma, principalmente in occasione della maratona, ma anche in Nord America, altre città europee, Kenya e Etiopia. Il film si apre con lo spettacolo della partenza della gara capitolina, all'ombra del Colosseo, una delle icone del mondo, e guida lo spettatore attraverso 42 chilometri traboccanti di meraviglie visive e passaggi che sono gioia per i sensi. Lungo il percorso sono presentati i personaggi, e le loro storie si dipanano lungo il tracciato, in un ideale viaggio verso l'autocoscienza. Il processo di rivelazione della loro personalità e delle loro storie culmina in prossimità dell'Arco di Costantino, negli ultimi metri di gara, con la curva finale che cinge il Colosseo come un abbraccio. Come nel primo episodio “Spirit of the Marathon”, dove comparvero anche la primatista mondiale Paula Radcliffe e l’ex primatista mondiale Paul Tergat, i più grandi atleti di oggi e di tutti i tempi arricchiranno il racconto con commenti e aneddoti e accompagneranno ciascuno dei runners-attori verso la comprensione vera dello "spirito della maratona".