Calcio, festa giallorossa: la Roma umilia l\’Inter e De Rossi rinnova. Delude la Lazio

0
27

Una domenica perfetta, quella vissuta dai tifosi giallorossi che hanno visto la propria squadra travolgere con uno spettacolare 4-0 la corazzata nerazzurra e ascoltato, subito dopo, per bocca del dg Franco Baldini la frase che attendevano da tanto, troppo tempo: «De Rossi ha trovato un accordo con la Roma per i prossimi 5 anni». Ad aprire lo score, il brasiliano Juan. Poi la doppietta di Borini e infine, il cercato, voluto e meritato gol da applausi di Bojan nel finale.

Nessuna delle prime cinque della classifica ha vinto, in una giornata del campionato italiano caratterizzata dal maltempo. Il vertice della classifica è rimasto praticamente invariato con la Juventus al comando anche dopo il deludente 0-0 a Torino contro il Siena.I torinesi hanno conservato comunque un punto di vantaggio sul Milan, fermato anch'egli sullo 0-0 in casa, dal Napoli. Per i rossoneri un risultato che poteva andar bene, soprattutto dopo la sacrosanta espulsione di Ibrahimovic per uno schiaffo al difensore azzurro Aronica.

Sconfitta anche per l'Udinese che è arresa per 3-2 alla Fiorentina: Di Natale aveva portato in vantaggio i friulani, ma con la doppietta di Jovetic e il gol di Cassani, i toscani hanno ribaltato il risultato prima dell'inutile gol finale di Torje. Non è andata meglio alla Lazio che è tornata da Genova con una sconfitta per 3-2: a punire i romani un gol di Palacio e una doppietta del serbo Jankovic. Tra gli altri risultati della giornata si segnalano il successo del Parma sul campo del Chievo per 2-1 e la vittoria, con lo stesso punteggio, del Palermo che ha superato l'Atalanta.

Capitolo De Rossi – Ad annunciare il rinnovo di “Capitan Futuro” è stato il direttore generale, Franco Baldini, per mesi seduto al tavolo della trattativa con l'agente del giocatore, Sergio Berti. Un lungo tira e molla conclusosi con la fumata bianca che mette fine a una telenovela ricca di suspance e colpi di scena. «L'accordo è stato sancito da una stretta di mano e raggiunto venerdì scorso ma non volevamo distogliere l'attenzione dalla gara con l'Inter – ha spiegato Baldini -. I termini saranno svelati domani in una conferenza stampa che Daniele terrà a Trigoria».

E la conferenza è arrivata oggi. “Capitan Futuro” ha ammesso che «il percorso per arrivare ala firma del contratto è stato un p0’ più lungo, con alti e bassi anche a livello mio personale, e qualche indecisione l'ho avuto». «Il contratto è stato l'ostacolo nella prima parte della stagione – ha spiegato il centrocampista della Roma -, c'è stato da discutere molto e sulla cifra non volevo fare sconti. Ho sentito mille persone ma ho scelto come alla fine ho sempre saputo che avrei scelto». Quanto alle prospettive «spero in 5 anni di tornare a lottare per lo scudetto, la Champions non lo so». «Totti mi ha lasciato sempre abbastanza tranquillo, non mi ha mai pressato più di tanto, è stata fondamentale la sua immagine di uomo felice ed integro, che ha giocato sempre a Roma, si può essere felici e molto anche a Roma e io, pur senza battere tutti i record, lui credo sia irraggiungibile, vorrei fare il suo percorso, mi renderebbe felice. Arrivare alla sua età, essere il più amato, un beniamino e anche decisivo in campo, ci metterei la firma. Lui ha lo scudetto in più che a me manca, ed è la spinta per la mia carriera. Si può essere grandi anche senza scudetto ma ho grossa voglia di metter qualcosa in bacheca».