Frascati Scherma, la palestra “Simoncelli” è senza frontiere. Salvatori oro a squadre a Tauber

0
20

La palestra “Simoncelli” di Frascati è “l’ombelico del mondo” schermistico. La struttura del club del presidente Paolo Molinari è sempre più al centro delle scelte logistiche di atleti e federazioni internazionali. Da gennaio a tutto marzo, per esempio, le pedane della palestra frascatana ospiteranno la nazionale brasiliana di fioretto, alla quale proprio ieri si è aggiunta quella statunitense (con i quattro atleti che disputeranno le Olimpiadi di Londra). Da ricordare anche la presenza di un’atleta della nazionale argentina Under 20 e il prossimo arrivo a Frascati della selezione di Honk Hong: la testimonianza della crescente considerazione che nutre il sodalizio tuscolano anche oltre i confini nazionali.

Merito del lavoro dello staff organizzativo e tecnico del presidente Molinari, ma anche dei risultati che puntualmente gli atleti frascatani ottengono in Italia e all’estero. L’ultimo “alloro” lo ha conquistato una veterana del Frascati Scherma, vale a dire Ilaria Salvatori che nella prova a squadre di Coppa del Mondo disputata nell’ultimo week-end a Tauber, in Germania, ha conquistato il “solito” primo posto assieme alle sue compagne Vezzali, Di Francisca e Errigo. In finale le azzurre hanno “stracciato” la Russia per 45-29 centrando un posto (inevitabile) per Londra 2012. Proprio la Errigo, allo stato attuale, precede la Salvatori nella corsa per entrare tra le tre individualiste del fioretto: Ilaria (che ha ottenuto il nono posto in Germania) ha un ritardo di 39 punti. Nelle classifiche mondiali diramate dalla Federazione Internazionale spicca anche il terzo posto di Valerio Aspromonte tra i fiorettisti (due punti in più di Baldini col quale si giocherà l’accesso individuale per Londra).

Nel prossimo week-end molti gli appuntamenti da seguire con attenzione: dalle due gare nazionali del Gran Premio Giovanissimi di fioretto (a Foligno) e sciabola (a Pisa), alla Coppa del Mondo Under 20 di fioretto e sciabola a Budapest, per finire con la prova di Coppa del Mondo Assoluti dei fiorettisti (a La Coruna) e degli sciabolatori (a Padova).