Calcio, Zaccheroni: il male dell\’Inter? Cambia troppi allenatori

0
24

“Non si può passare in due anni da Benitez a Leonardo, poi da Gasperini a Ranieri. Quattro allenatori e soprattutto quattro progetti in due anni non sono gestibili”. Lo ha dichiarato l'attuale ct del Giappone, Alberto Zaccheroni, in un'intervista esclusiva con Panorama.it commentando l'eliminazione dell'Inter dalla Champions league e la difficile stagione dei nerazzurri.

Zaccheroni, che è stato sulla panchina nerazzurra nella stagione 2003-2004 al posto di Hector Cuper, difende comunque l'operato del presidente Massimo Moratti, ma dà anche dei consigli alla dirigenza nerazzurra per la gestione di questa delicata fase di ricostruzione. “Non credo che i guai della squadra – spiega – siano colpa del presidente. Massimo Moratti ha molta esperienza e lavora con passione. E questo non è mai un male. Ora ci vuole solo pazienza, non si può pensare di vincere sempre tutto. Ma soprattutto bisogna credere in un progetto e portarlo avanti fino alla fine”. Nelle ultime partite, aggiunge Zac, “ho visto un grande impegno da parte dei giocatori e sono convinto che negli ultimi mesi cresceranno sicuramente anche se purtroppo sono ormai fuori dalla lotta-scudetto e c'è un rischio effettivo di mancare anche l'obiettivo Champions”.

A Moratti invece, Zaccheroni consiglia di “evitare di prendere decisioni drastiche nei momenti in cui 'gira malè e di resistere alle pressioni. In base alla mia esperienza credo che un allenatore e quindi un progetto vadano giudicati solo a fine stagione”.