Scherma, Caroline Monjoux vice campione d\’Italia nella sciabola Ragazze. Palumbo terza

0
29

Il Frascati Scherma è stato protagonista alla 49esima edizione del Gran Premio Giovanissimi svoltosi a Riccione dal 10 al 15 maggio scorso. Per la società del presidente Paolo Molinari c'erano ben 46 atleti ai nastri di partenza tra i quasi tremila presenti in terra romagnola per cercare di conquistare il titolo italiano nelle varie categorie e armi. E' stata la categoria Ragazze della sciabola quella ad aver riservato le emozioni più grandi per i colori frascatani: Caroline Monjoux, classe 1999, si è laureata vice-campione d'Italia dopo un'esaltante cavalcata conclusasi solo in finale al cospetto della De Geronimo (Cs Roma) che si è imposta per 15-5. Caroline aveva superato in semifinale la napoletana Costa (15-3) e ai quarti la romana Baldini (15-8). Proprio la vincitrice della prova, la De Geronimo, ha “sbarrato” la strada per una finale tutta frascatana a Maria Chiara Palumbo che in semifinale ha ceduto per 15-7 e che ha dovuto accontentarsi di un ottimo terzo posto.

Nelle altre categoria non c'è da segnalare la conquista di ulteriori medaglie, ma sono comunque rilevanti i piazzamenti di sette ragazzi tra i primi otto delle loro gare. La sciabola completa un'ottima spedizione con il settimo posto di Livia Manca tra le Giovanissime e gli ottavi di Flavio Mancini negli Allievi e Alessia Di Carlo tra le Bambine. Sesto posto tra gli Allievi per lo spadista Andrea Meuti, mentre nel fioretto sono state comunque notevoli le prestazioni di Pier Luigi Scotti (sesto tra i Maschietti), Giulia Spina (settima tra le Bambine) e Alessia Spagnoli (ottava nella categoria Giovanissime). Alla rassegna di Riccione partecipava praticamente tutta “l'elite” dello staff tecnico del Frascati Scherma: per la spada Gino e Marco Pacifico con Gianluca Zanzot, per la sciabola Lucio Landi, Alessandro D'Alessio e Andrea Aquili e per il fioretto Fabio Galli, Marco Ramacci, Bruno Scardini e Alessandra Nucci. «Nell'insieme è stato un Gpg positivo – dice quest'ultima – anche se forse ci aspettavamo qualcosina in più da alcune categorie del fioretto. Il Frascati Scherma, comunque, si conferma tra le prime società d'Italia a livello giovanile».