Euro 2012, Italia bella a metà: Pirlo non basta, quarti a rischio

0
14

Si complica il cammino dell'Italia. Gli azzurri rimediano il secondo pareggio di questi Europei, dopo quello "trionfale" con i campioni spagnoli, i ragazzi di Prandelli si fanno imbrigliare dalla Croazia, e così il passaggio del turno è a rischio e questo 1-1 ha un sapore amaro.

Buono il primo tempo di Buffon e compagni, con tante azioni create e la meritata rete su punizione di Pirlo al 39'. L'ex milanista come sempre dai calci piazzati non si fa pregare e insacca un gol bello quanto prezioso. Nei primi 45 minuti brilla il gioco di Marchisio, mentre la stella di Balotelli non ha una luce propria e finisce con sprecare occasioni troppo ghiotte per gare di questo genere.   

Nella ripresa l'Italia scende di ritmo, è ordinata ma subisce il ritorno della Croazia, che alla fine trova il pareggio con Mandzukic (72'). Questa volta i cambi, con Di Natale e Giovinco spediti in campo, non portano ulteriori scossoni, e gli azzurri si ritrovano con una classifica magra, con appena 2 punticini nel forziere e l'inevitabile conta delle restanti partite. Prandelli ha detto che l'Italia è apparsa una squadra viva che ha avuto buone opportunità «ma non le abbiamo sfruttate».

Di sicuro agli azzurri è mancata la cattiveria sotto porta, una maggiore concretezza specialmente nel primo tempo. Il ct ora chiede ai suoi una vittoria, tra l'altro obbligata, lunedì contro l'Irlanda, confidando però anche «nella correttezza di tutte le squadre».

gds