Londra 2012, Pellegrini in cerca di rivincita e riflettori sulla scherma

0
36

“Nei 200 riesco a dare sempre qualcosa in più, anche se non c'è”. Dopo la delusione nei 400 stile libero, Federica Pellegrini si riscatta parzialmente vincendo la batteria di qualificazione nella gara a lei più favorevole. Questa sera la nuotatrice veneta torna in vasca per le semifinali. Federica è chiamata a difendere l'oro conquistato quattro anni fa a Pechino e arrivato, guarda caso, dopo un deludente quinto posto nei 400.

Un anno dopo le Olimpiadi cinesi, con la morte dell'allenatore-mentore Alberto Castagnetti sono iniziati i problemi per la stella azzurra, che ha cambiato quattro tecnici in due anni, perdendo molte delle sue certezze. Ora però è tempo di rivincita, per lei e per tutto il nuoto italiano che finora non ha portato a casa nemmeno una medaglia. Medaglie che devono arrivare ancora dalla scherma, specialità che finora ha mantenuto le aspettative.

Domani, il trio Baldini-Cassarà-Aspromonte scenderà in pedana nel fioretto individuale. I nostri schermidori proveranno a colorare il podio tutto d'azzurro, impresa già centrata lo scorso anno ai mondiali, imitando così le fiorettiste autentiche dominatrici nella prima giornata di gare. Da seguire anche la prova a squadre della ginnastica artistica femminile, dove l'Italia ha ottenuto una storica finale, mai raggiunta ai giochi.