Calcio/Champions, Udinese fuori: Guidolin medita l\’addio

0
49

 

Niente da fare in Champions league per l'Udinese. I friulani perdono ai rigori con lo Sporting Braga dopo avere chiuso per 1-1, stesso punteggio dell'andata, tempi regolamentari e supplementari.

L'Italia approda così ai gironi di qualificazione con solo 2 squadre: Juventus e Milan, peraltro “snobbate” dai bookmakers per la conquista della coppa dalle grandi orecchie. Particolarmente duro lo sfogo del tecnico dell'Udinese Francesco Guidolin al termine della gara. “Sono molto amareggiato, ringrazio i miei giocatori – ha detto – perchè hanno profuso ogni goccia di sudore, quello che potevano dare l'hanno dato. Mi dispiace immensamente per loro, per me, per la nostra gente, evidentemente non sono in grado di guidare una squadra in Champions League perchè ci sono arrivato troppe volte vicino e, dopo non averla mai presa, bisogna che uno si renda anche conto che forse non è capace di raggiungerla”.

Sulla prestazione dell'Udinese, Guidolin non si è nascosto: “ha fatto meglio lo Sporting Braga, bisogna riconoscerlo. Complementi all'avversario perchè nel doppio confronto ha fatto meglio, quindi passa la squadra che ha meritato di più sul piano del gioco. Noi, purtroppo, più di questo non siamo riusciti a proporre e, naturalmente, l'allenatore deve prendersi le sue responsabilità perchè una squadra come l'Udinese può e sa giocare meglio. Purtroppo non ce l'abbiamo fatta”. Cosa è mancato? “Non lo so, tante cose, probabilmente la guida tecnica, che doveva portare la squadra più pronta perchè potevamo fare meglio e non siamo riusciti a farlo”.

Un'analisi ingenerosa? “È cruda, ma lo sport è crudo, è crudele. Solo chi ci è passato può sapere quello che stiamo passando noi in questo momento. Quindi è inutile girare tanto intorno alle cose. Questa è la realtà dei fatti e io – ha concluso Guidolin – devo andarmene a casa e stare tranquillo, riposare un pò e fare delle riflessioni ben approfondite”. In realtà, Guidolin e giocatori pagano una politica societaria oculata, sana ma non adeguata a competere almeno nell'Europa della Champions. È la seconda volta che i bianconeri vengono eliminati ai preliminari ma in 2 anni hanno ceduto prima giocatori del calibro di Sanchez e Inler poi di Handanovic, Asamoah, Isla e Zapata. Difficile già passare il turno con squadre dello stesso livello, figuriamoci con Arsenal e Braga. (asca)

È SUCCESSO OGGI...

telecamere di videosorveglianza sicurezza fiumicino

Frosinone, dati e risultati della videosorveglianza

Sono stati illustrati al comune di Frosinone, i numeri, le statistiche e i risultati della videosorveglianza realizzata mediante il progetto comunale "Città in video". Erano presenti il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, il segretario...

Trasporti a Roma, da lunedì viale Romagnoli chiuso: bus deviati

Da lunedi' 29 maggio, a Roma, viale dei Romagnoli sara' chiusa al traffico, in entrambi i sensi di marcia, tra via del Collettore Primario e via Fiorelli per fare spazio a un cantiere. Durante...

Scuola dell’infanzia: Campidoglio lancia ‘Tutti al sicuro’ per promuovere educazione alla sicurezza

Promuovere l’educazione alla sicurezza fin dalla più tenera età, sviluppando nella scuola dell’infanzia iniziative orientate a prevenire gli incidenti e a garantire comportamenti corretti, sia individuali che di gruppo. Con questo obiettivo l’amministrazione ha lanciato,...

Campidoglio, Meloni: «Prosegue lavoro Tavolo per decoro, in estate le conclusioni. Poi piani di...

“Entro la fine di luglio si concluderanno i lavori del Tavolo tecnico per il decoro, che verranno recepiti dalla Giunta con una delibera. A quel punto, saremo pronti per la predisposizione dei piani di...

Cinque chili di hashish: un arresto a Pomezia

Prosegue l’azione di contrasto al traffico di droga da parte dei Carabinieri a Roma e Provincia. Dopo il sequestro di ieri, a Tor Vergata, di 40 kg di hashish e marijuana ad opera dei Carabinieri...