Calcio, Moggi: all\’Inter chiedo molto più di 1 mln di risarcimento

0
23

“Abbiamo richiesto molto di più di un milione di risarcimento, ma non ricordo la cifra esatta”. Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus, intende seguire l’esempio di Christian Vieri. Nella causa intentata dall'ex attaccante dell'Inter, la società nerazzurra e la Telecom sono state condannate a versare un risarcimento di 1 milione di euro per attività di “spionaggio”.

“Dopo che l'Inter è stata condannata per spionaggio, dopo che io avevo detto prima che venisse fuori lo scandalo Telecom che c'era uno spionaggio industriale, dopo che Tavaroli ha detto sia in Tribunale sotto giuramento sia alla Zanzara di Cruciani (su Radio 24, ndr) che ha seguito, intercettato e pedinato con mezzi illeciti Moggi, oggi cosa si può dire? Qui bisogna saper tornare anche indietro nelle decisioni”, dice Moggi ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. “Vieri veniva spiato? Ma anche Moggi. Quando arriveremo noi, sarà anche peggio. Abbiamo richiesto molto di più di un milione di risarcimento, ma non ricordo la cifra esatta”, aggiunge.

Poi, riferendosi alla radiazione che gli è stata comminata nei procedimenti sportivi relativi allo scandalo Calciopoli, Moggi dice: “Io in Australia con Del Piero? No, l'Australia è troppo lontana. Ma annuncio che il problema della squalifica a breve si risolverà”. “Se tornerò? Ad oggi, mi diverto a fare il vostro mestiere -prosegue rispondendo alle domande-. Qualcuno dice che comando ancora il calcio italiano? Fuori nomi e cognomi per favore. È solo una favola metropolitana che viene raccontata”.

La Juventus sembra la favorita d'obbligo in campionato nonostante la squalifica del tecnico Antonio Conte, fermato per omessa denuncia nei procedimenti legati alle inchieste sul calcioscommesse. “Sta facendo una battaglia giusta, perchè è una persona perbene penalizzata dalla giustizia sportiva. La vera anti-Juve? Credo proprio sia il Napoli. Se gli azzurri inseguiranno l'Europa League, che non conta niente, possono però riperdere il campionato”. Ad altissimo livello, la rivelazione potrebbe essere la Roma. “Se la Roma dovesse ripetere queste prestazioni, con un Totti così, potrà dare fastidio a tutti”, dice analizzando il successo ottenuto dai giallorossi contro l'Inter.

Moggi evidenzia i meriti del tecnico capitolino Zdenek Zeman. “Non è vero che ce l'ho sullo stomaco. A Pescara ha fatto un grandissimo lavoro e mi sono divertito lo scorso anno a guardarlo”, dice. L'allenatore boemo non nega mai una risposta pungente quando si trova davanti a domande sulla Juventus. “Zeman dice che Conte non deve allenare durante la settimana? Siccome non conosco le cose, non do ragione a nessuno. Ma dico che Zeman dovrebbe pensare a fare l'allenatore. La Juventus ha avuto rigori ed espulsione a proprio vantaggio? Allora non ero io!”, dice Moggi. “La Juve non esagera, sono esagerati gli sbagli degli arbitri. I bianconeri vanno a giocare, se gli arbitri sbagliano non è certo colpa di chi scende in campo”.