Il diktat di Petkovic: «Fame e testa»

0
32

«Si lavora un anno per arrivare in Europa, sarebbe sciocco gettare via tutto. La testa è fondamentale specie nei match difficili: bisogna avere fame. Il Maribor è una buona squadra, ma noi abbiamo il nostro nome e daremo tutto per fare nostro il match». Questo il diktat conciso, ma forte e deciso di Vladimir Petkovic che non vuole i cali di concentrazione costati cari contro Genoa e Napoli.

L’allenatore della Lazio vuole uscire dall’Olimpico, che complice l’orario (si gioca alle 19) presenterà parecchi spazi vuoti, con i tre punti per puntare deciso sull’Europa League dopo l’incoraggiante pareggio contro il Tottenham. I biancocelesti affrontano, nella seconda giornata del girone J della competizione europea, il Maribor che è in testa sia nel campionato sloveno sia nella classifica del gruppo di Europa League dopo la vittoria per 3-0 contro il Panathinaikos.

I capitolini vogliono confermarsi dopo il successo sul Siena e confermarsi anche in Europa. Per il match con gli sloveni probabile che il tecnico faccia riposare qualche giocatore specie in attacco dove Klose potrebbe partire dalla panchina: «E’ importantissimo, ma la squadra per me ha più valore di ogni singolo giocatore».

Insieme al tecnico bosniaco ha preso la parola anche Antonio Candreva che è sicuro, come il proprio allenatore, che la squadra non si risparmierà: «Il Maribor è ancora imbattuto, ma daremo il massimo». Il ragazzo di Tor de’ Cenci ha messo nel mirino anche il ritorno in Nazionale: «La maglia azzurra pesa, ma devo fare bene prima con la Lazio. La scorsa stagione, durante il primo mese qui ero irriconoscibile, poi nel match in casa con il Napoli è scattato qualcosa dentro di me».

Il tornante dovrebbe partire dal primo minuto, così come appare scontata la conferma di Ederson. Probabile, invece, un turno di riposo per Gonzalez, Dias e Lulic con Ciani e Floccari che scalpitano per ritagliarsi un po’ di spazio. Altra chance per i giovani Onazi e Cavanda, considerati da Petkovic importanti e in netta crescita in questo inizio di stagione.

Antoniomaria Pietoso

 

(FOTO TEDESCHI)