Calabresi e Capradossi, i difensori del futuro

0
36
Sedici anni e l’obiettivo di lasciare un segno, come tanti campioni del passato, nella storia della Roma. Arturo Calabresi ed Elio Capradossi, difensori centrali (il primo anche mediano, all’occorrenza) rispettivamente della Primavera e degli Allievi Nazionali, oltre che coppia centrale della difesa della Nazionale Under 17, parlano, dal ritiro azzurro, della propria esperienza nelle giovanili giallorosse e dei loro sogni nel cassetto. 
 
Dove avete iniziato a giocare a calcio?
Arturo: «Ho cominciato al Centro federale. Dopo qualche anno al Futbolclub sono passato all’Atletico Roma prima di essere ingaggiato dai giallorossi». 
Elio: «Ho iniziato nella Lazio. Poi ho militato nella Spes Artiglio e nella Lodigiani, e infine sono arrivato alla Roma». 
Quando avete esordito in Nazionale?
Arturo: «Un mese fa al Torneo Quattro Nazioni, quando sono entrato per un quarto d’ora nella gara contro Israele».
Elio: «Nella passata stagione, giocando da titolare la seconda gara della doppia amichevole contro la Slovacchia».
Qual è la vostra giornata tipo?
Arturo: «La mattina vado a scuola, poi un panino di corsa e vado a Trigoria per gli allenamenti. Il centro tecnico è lontano da casa, quindi il viaggio mi porta via quasi l’intero pomeriggio. Per questo il mio rapporto con i libri di scuola è un po’ complicato, ma ci provo in tutti i modi. Ogni tanto trovo il tempo anche per uscire con gli amici».
Elio: «Anche per me il campo di allenamento è molto lontano. La mattina vado a scuola e il pomeriggio mi alleno. Quando torno a casa mi metto a studiare. E’ difficile ma faccio quello che posso».
 
Vi piacerebbe vedere, in futuro, il vostro nome scolpito nella storia della Roma?
Arturo: «E’ normale che lasciare un segno nella storia giallorossa sia il sogno di tutti». 
Elio: «Il sogno di entrare nella Hall of Fame penso sia comune a tutti i giovani calciatori».
 
Vincenzo Nastasi