Candreva e Florenzi: i due volti della capitale in azzurro

0
28

Antonio Candreva e Alessandro Florenzi sono i due volti, uno biancoceleste e l'altro giallorosso, della capitale in azzurro. Sì, perchè il centrocampista della Lazio dopo l'importante gol nel derby si è guadagnato un posto da titolare nella Nazionale di Prandelli che mercoledì sera giocherà al Tardini di Parma l'amichevole con la Francia  (ore 20.50 diretta su Rai Uno).

Il giovane centrocampista giallorosso, invece, è stato "soffiato" all'Italia Under 21 meritandosi la chiamata in prima squadra. Ma in azzurro ci sono anche i compagni di squadra della Roma: il difensore Federico Balzaretti e l'attaccante Mattia Destro. E' dovuto invece rientrare in sede Osvaldo, che ha accusato un problema alla caviglia destra. Bocciato De Rossi, espulso nella stracittadina per il pugno rifilato a Mauri.

«Questo – ha spiegato Florenzi commentando la sua prima chiamata nella Nazionale maggiore – non deve essere un punto di arrivo, ma di partenza, senza montarsi la testa. Ho fatto tanti sacrifici nella mia vita e ho sempre creduto che se lavori, sei umile e vai per la tua strada i risultati arrivano».

E questa per lui è sicuramente una spinta a migliorarsi  e un modo per ricucire in fretta le ferite "morali" lasciate dal derby.  Florenzi ha poi aggiunto in conferenza stampa che «il mister (Zeman, ndr) mi ha dato fiducia con tanti giocatori bravi nella Roma a centrocampo e io ho sempre cercato di dare tutto in campo. Penso di essere un giocatore moderno che cerca di fare le due fasi in modo omogeneo e di inserirsi bene in zona gol».

Momento d'oro anche per Candreva, lui il derby l'ha vinto, e ha anche segnato, in più Prandelli gli ha lasciato un posto da titolare nell’amichevole con la Francia: «Partirà dal primo minuto – ha assicurato il ct -. Giocherà sulla destra come nella Lazio e dovrà dare una mano a centrocampo e attacco». Titolari anche Verratti ed El Shaarawy.

«Vogliamo regalare emozioni e spettacolo. Mi aspetto di vivere una partita con tante emozioni» ha detto senza mezzi termini Prandelli che vuole «vedere la personalità dei ragazzi». «La Francia – ha proseguito – è una squadra che si sta rinnovando e non solo nei nomi».

Il tecnico azzurro vuole dai suoi profondità: «El Shaarawy e Candreva hanno caratteristiche molto offensive e il centrocampo dovrà lavorare in funzione di questi punti: gli interni non dovranno dare solo equilibrio, ma partecipare all’azione d’attacco. Dal punto di vista del palleggio, non avendo il quarto centrocampista, dovremo cercare di palleggiare meno e dare più profondità».

Infine: «Da Balotelli mi aspetto impegno e voglia di fare reparto, da Verratti un’ulteriore crescita dal punto di vista della personalità. Deve fare il suo senza strafare».
Gli azzurri hanno incontrato martedì anche la Nazionale femminile di basket, in raduno nella stessa città. Un “saluto” voluto dalla Figc che sostiene la campagna contro la violenza sulle donne con lo slogan: “La violenza sulle donne è un problema degli uomini”. Al Tardini ingresso gratuito per tutte le “signore” per «richiamare l’attenzione e favorire l'impegno per una battaglia di civiltà e di sicurezza».

A Parma l’Italia scenderà così in campo: 16 Sirigu, 2 Maggio, 3 Chiellini, 15 Barzagli, 6 Balzaretti, 4 Verratti, 8 Marchisio, 18 Montolivo, 7 Candreva, 14 El Shaarawy, 9 Balotelli. A disp: 1 Buffon, 12 De Sanctis, 17 Viviano, 5 Astori, 19 Bonucci, 13 Peluso, 20 Santon, 22 Diamanti, 24 Florenzi, 23 Giaccherini, 21 Pirlo, 11 Destro, 10 Giovinco.

Gianna De Santis