«Stadio e Champions: in 5 anni saremo grandi»

0
49

«Sarei deluso se la Roma non entrasse in Champions già da quest’anno, mentre per lo stadio stiamo cercando un’area adatta, anche se spero di riuscire a costruirlo entro cinque anni». Il presidente della Roma James Pallotta, per la prima volta in conferenza stampa da numero uno, arriva nella capitale e traccia la strada che la società sarà chiamata a seguire nei prossimi anni. L’occasione è la presentazione del nuovo Ceo (Chief executive officer) della squadra giallorossa: Italo Zanzi, americano di New York, ma con ascendenze nel bel paese, che ha lavorato per l’America’s Cup e per la Concacaf (la Uefa americana) e che dagli inizi di gennaio sarà l’uomo di Pallotta a Roma prendendo il posto di Mark Pannes.

«Abbiamo impiegato del tempo – ha detto il presidente americano – per trovare la persona giusta che ricoprisse questo ruolo. Italo sarà il nostro Global Ceo, una figura di riferimento per tutta la società».

Ma c’è stato spazio, nella conferenza stampa che ha visto la presenza di tutto l’organigramma societario dal dg Baldini al direttore marketing Christoph Winterling, passando per il consigliere d’amministrazione Baldissoni, per qualche domanda sul futuro sportivo della squadra giallorossa. «Abbiamo un progetto pluriennale – ha detto il numero uno giallorosso – che punta, entro i prossimi dieci anni, a far sì che la Roma competa stabilmente in campionato e in Champions. Ma già da questa stagione e soprattutto dalla prossima dobbiamo entrare nella massima competizione europea. Gli investimenti? Ogni anno cercheremo di mettere in campo la squadra più competitiva possibile».

Sulla questione stadio poi, Pallotta ha rassicurato tutti: «Stiamo individuando un’area per costruirlo e speriamo di farcela in meno di cinque anni». La parola è passata poi all’avvocato Baldissoni, che ha ribadito come «il progetto di costruzione dell’impianto prescinda dalla legge ferma in Parlamento».

Non è stato risparmiato James Pallotta dalle domande sul caso De Rossi. In riferimento al centrocampista giallorosso, sempre meno utilizzato da Zeman nonostante il sontuoso contratto rinnovato da poco. Il presidente giallorosso è stato fermissimo: «Non esiste un piano per vendere De Rossi».

Infine, il saluto del nuovo Ceo Italo Zanzi: «Sto già studiando l’italiano e non vedo l’ora di iniziare a lavorare con questo team. Ciò che è importante è che io non sono stato chiamato perché le cose vanno male, ma solo per migliorare quanto già di buono è stato fatto». In serata poi, tutti a cena al Capitol Club per il consueto scambio di auguri di Natale.

Vincenzo Nastasi