Rugby, carte scoperte: ecco i 30 di Brunel

0
53

L’Italia scopre le carte. A poco meno di un mese dal debutto nel 6 Nazioni 2013, con gli azzurri che il prossimo febbraio ospiteranno allo stadio Olimpico la Francia, il ct della nazionale Jacques Brunel ha presentato la lista dei 30 giocatori che affronteranno i primi due match del torneo, appunto il debutto contro i transalpini e la trasferta del 9 febbraio in Scozia.

Un torneo in cui gli azzurri, oltre alla Francia, ospiteranno all’Olimpico di Roma anche il Galles, il 23 febbraio, e l’Irlanda il 16 marzo.

Una selezione, quella azzurra, che rispecchia a grandi linee quella che a novembre ha sfidato le rappresentative di Tonga, Nuova Zelanda e Australia. Tre sono le novità rispetto agli effettivi in campo nei test match, dove mancheranno i due fratelli Mauro e Mirco Bergamasco. Paul Derbyshire prende il posto di Mauro, Paolo Buso quello dell’infortunato Mirko, mentre Gonzalo Garcia sostituisce Luca Morisi. L’arrivo di Buso è la novità maggiore di questa selezione. Un giocatore che nel 2008 ha avuto il suo unico cap in azzurro, giocando 40 minuti contro il Galles.

«Derbyshire è stato lungamente infortunato – commenta l’allenatore -, da una stagione è con noi ma non siamo mai riusciti a utilizzarlo, per la prima volta vogliamo vedere se riesce a giocare una delle due partite. Discorso diverso per Luca Morisi, che in questa stagione non è riuscito a trovare spazio nella Benetton, mentre Gonzalo Garcia, oltre a essere il capitano delle Zebre, può rivelarsi utile come calciatore. Per ultimo recuperiamo Paolo Buso, capace di giocare sia come apertura che come estremo, uno dei pochi capace di occupare questi due ruoli. Spero che tanti giovani possano crescere in fretta per integrare la squadra».

A comporre i trenta che inizieranno il 6 Nazioni ci sono quindi Barbieri, Castrogiovanni, Cittadini, De Marchi, Derbishire, Favaro, Furno, Geldenhuys, Ghiraldini, Giazzon, Lo Cicero, Minto, Parisse, Pavanello, Rizzo, Vosawai e Zanni negli avanti e Benvenuti, Botes, Burton, Buso, Canale, Garcia, Gori, Iannone, Masi, McLean, Orquera, Sgarbi e Venditti formano il reparto dei trequarti.

Un 6 Nazioni quanto mai equilibrato quello previsto per il 2013. L’Italia si presenta alle gare con i buoni risultati di novembre dove, oltre a battere Tonga, è riuscita a reggere per 60 minuti il gioco degli All Blacks, e a cedere per soli tre punti contro l’Australia.

«Dal punto di vista del gioco – prosegue Brunel – la squadra ha preso fiducia. L’obiettivo è migliorare la nostra efficacia in situazioni come quella contro l’Australia, in cui siamo stati sconfitti di misura. Non esistono partite facili – termina il coach azzurro -, ma se entriamo in campo con l’ambizione giusta possiamo renderle meno difficili».

Paolo Pizzi

È SUCCESSO OGGI...

Presa a pugni dal compagno, si difende con un frigorifero

Un frigorifero dietro la porta e la chiamata al 112: così si è difesa dal suo aguzzino una donna di 46 anni che, in un anno e mezzo di convivenza, aveva già perdonato  il...

Chiude la figlia in macchina e va a giocare alle slot machines

In preda alla febbre del gioco, ha preso l'auto della donna per cui lavora come badante, ha parcheggiato nei pressi di un bar di Villanova di Guidonia, chiuso la figlia di 7 anni in...

Vedono turisti con la maglia della Lazio e li aggrediscono: in manette ultras romanisti

Dalle prime ore di questa mattina, gli agenti della Polizia di Stato della Digos di Roma, stanno eseguendo delle misure cautelari a carico di esponenti ultras romanisti, indagati per l’aggressione in danno di alcuni...

Pomezia, incendio nella sede comunale: indagini in corso

La sede comunale di piazza Indipendenza è stata oggetto la scorsa notte di un attentato incendiario al piano terra. Fortunatamente l’intervento delle forze dell’ordine è stato tempestivo e ha evitato danni gravi. “Un grave attentato...

Castelli Romani devastati dalle gelate, compromessi i raccolti della frutta. Bruciati ettari di vigneti

“Il bilancio dei danni è pesantissimo. Vigneti, piantagioni di kiwi, frutteti, ortaggi. Una vera e propria caporetto per la nostra agricoltura. E dire che non abbiamo ancora finito il monitoraggio sul territorio e i...