Verso la vetta a “Petko” in fuori

0
79

«Scudetto? Se giocassimo come abbiamo fatto nel primo tempo faticheremmo a salvarci». Basterebbe questa frase pronunciata da Petkovic dopo il 2-0 rifilato domenica all’Atalanta per far capire perché la Lazio continua a sorprendere l’Italia intera.

Quattordici risultati utili consecutivi tra campionato e coppe hanno permesso al tecnico bosniaco di conquistare la semifinale in Coppa Italia, i sedicesimi di Europa League e di essere al secondo posto a soli tre punti dalla Juventus, favorita numero uno per lo scudetto. Bocciata in estate e poco considerata dagli addetti ai lavori, la Lazio di Petko viaggia a una velocità tale che si era vista solo nell’era Cragnotti con Eriksson in panchina.

La squadra attuale dimostra grinta e caparbietà ed esalta i tifosi strappando punti e vittorie anche nei momenti di difficoltà e nei match più sofferti. Un esempio? Domenica contro i bergamaschi, dopo un primo tempo opaco con una squadra lenta e prevedibile, l’allenatore biancoceleste non ci ha pensato due volte richiamando due leader come Candreva e Lulic e sostituendoli con Floccari e Cana e passando da un 4-1-4-1 al 3-5-2. L’effetto? Lazio spumeggiante e più equilibrata nella ripresa e tre punti portati in cascina.

Non solo le scelte tecniche e tattiche, ma anche la personalità dell’ex allenatore del Sion ha conquistato l’ambiente laziale. Il tecnico evita le polemiche, è semplice, diretto, lineare, ma soprattutto è sempre sincero. Nessuno dimentica le critiche alla squadra per l’atteggiamento dimostrato allo Juventus Stadium nonostante i suoi ragazzi fossero riusciti a strappare un punto all’allora quasi imbattibile squadra di Conte. Un allenatore che viene anche seguito dai suoi ragazzi sul campo. Biava, Konko, Radu, Marchetti e Hernanes sembrano giocatori di un’altra categoria rispetto allo scorso anno e anche i cosiddetti “non titolari” come Ciani, Floccari e Cana sono sempre pronti a dare il loro apporto.

L’allenatore si è trasformato da scommessa del patron Lotito a solida realtà come lo stesso presidente ha precisato: «E’ una sorpresa solo per i miscredenti. L’ho scelto perché aveva molte qualità morali e professionali. Lui governa lo spogliatoio con ingredienti non solo tecnico sportivi, ma anche morali e psicologici. Scudetto? Possiamo competere con tutti». Volano bassi Ledesma e Biava che invitano l’ambiente a restare con i piedi per terra: «Non abbiamo ancora fatto niente. Guardiamo in faccia la realtà e andiamo avanti una partita dopo l’altra».

Antoniomaria Pietoso

È SUCCESSO OGGI...

Elezioni Ostia, tanti candidati manca ancora quello del Pd

Ostia, il mare di Roma, tristemente famosa per essere il municipio commissariato per mafia è pronta per il 5 novembre prossimo? Dopo 2 anni di commissariamento il X municipio con i suoi 200.000 abitanti sarà...
A1

Spaventoso incidente vicino Roma: muore 34enne

Una dinamica ancora tutta da chiarire, ma è stato davvero spaventoso lo scenario che si è presentato davanti ai primi soccorritori ieri sera in via Severiana ad Ardea dove un ragazzo di 34 anni...

Aperossa Festival 2017, a San Paolo e Testaccio musica e cinema gratuiti in piazza

Dopo il successo dei primi due eventi presso la Centrale Montemartini, torna L'Aperossa Festival 2017, iniziativa gratuita che unisce musica, cinema e memoria storica. Gli appuntamenti sono nel quartiere San Paolo (Parco Schuster) e a...

Caso Ravera, vaccini e listino: alta tensione in Consiglio regionale

Il presidente Daniele Leodori ha aperto la seduta del Consiglio regionale del Lazio, dedicata ad alcune mozioni. In particolare sara' trattato il 'caso' dell'ordine del giorno di centrodestra approvato la scorsa settimana dall'Aula e che...

Violenza sulle donne, il Campidoglio punta sulla videosorveglianza

"Ribadisco il concetto che il tavolo ha avuto la funzione di fare la ricognizione dell'esistente e metterlo a sistema. Forse non è stato ben comunicato finora ma quel che abbiamo a disposizione è tanto"....