::QUI LAZIO:: «Speriamo che l’arbitro non sia condizionato»

0
33
 

 

Tempo di bilanci e di verdetti, novanta minuti che separano dal paradiso o dall’inferno, stasera potrebbe cambiare la stagione della Lazio. I biancocelesti ospitano la Juventus nel ritorno della semifinale di Coppa Italia dopo l’1-1 della gara d’andata. I capitolini partono leggermente favoriti, vista la rete firmata allo Juventus Stadium, ma i piemontesi sono sempre i campioni d’Italia e sono capaci di ribaltare qualsiasi risultato.

La sconfitta contro il Chievo, arrivata dopo sedici risultati utili consecutivi, ha tolto un po’ di sicurezze alla squadra di Petkovic apparsa fino a sabato intoccabile. Alla vigilia di un match tanto delicato ha preso la parola il capitano Stefano Mauri che ha caricato l’ambiente: «La partita vale metà stagione. Arrivare in finale è importante, ci teniamo tanto perché l’abbiamo vinta anche in passato e vogliamo provare a riportarla a Roma. Stadio pieno? Mi auguro che ci sia una bolgia, i tifosi sono importanti».

Il capitano ha parlato anche del direttore di gara, che sarà Banti, che si augura non venga condizionato da quanto accaduto sabato, con la Juventus che ha pesantemente contestato il direttore di gara della sfida contro il Genoa: «Giocare queste partite è sempre bello e spero che non ci siano condizionamenti vari». Contro la squadra di Antonio Conte il tecnico bosniaco recupera Klose che ieri ha svolto tutto l’allenamento con la squadra, e si candida a una maglia da titolare dopo quattro partite da spettatore.

Probabile che Petkovic rilanci la retroguardia a tre e rimpolpi il centrocampo. Biava, Dias e Ciani dovrebbero essere i difensori, con Konko, Gonzalez, Ledesma, Hernanes e Radu sulla linea mediana e Mauri alle spalle della punta tedesca.

La qualificazione alla finale sarebbe una grande spinta, specialmente psicologica, per la seconda parte della stagione che si preannuncia molto intensa. Gli ultimi tre giorni di mercato potrebbero anche regalare la ciliegina sulla torta al club capitolino con Zauri, Zarate, Scaloni e Carrizo sempre più vicini all’addio. Per quello che riguarda il mercato in entrata oltre ai nomi di Hetemaj e Anderson, è spuntata anche la candidatura del genoano Jorquera, in uscita dai grifoni. 

Antoniomaria Pietoso