La Lazio vola in finale. Gonzalez: “Ora datemi la Roma”

0
26

Con una gara tutta cuore e polmoni la Lazio di Petkovic conquista la finale di Coppa Italia superando 2-1 la Juventus.  Un match incredibile risolto da una rete di Floccari nel recupero che ha fatto esplodere lo stadio  Olimpico e rimandato ancora l’appuntamento dei piemontesi con la “Stella d’Argento”. Lo stesso bomber di Nicotera non sa esprimere la gioia provata: “Sono un tipo razionale, ma quando ho visto la palla entrare, sotto la Curva Nord, non ci ho capito più niente e ho esultato come un matto”. La Lazio la qualificazione se l’era costruita con il prezioso pareggio 1-1 dello Juventus Stadium, ma il compito era tutt’altro che semplice avendo davanti a se i Campioni d’Italia in carica.

Inizio di match contratto con molti errori di impostazione da una parte e dall’altra, ma anche da parte del direttore di gara che sorvola su due contatti in area su Vucinic e Klose che potevano assolutamente essere puniti con due calci di rigore. Si arriva all’intervallo sullo 0-0, risultato che proietterebbe la Lazio in finale. Nella ripresa la squadra del patron Lotito trova subito il vantaggio: lancio con il contagiri di Ledesma e Gonzalez in tuffo mette alle spalle di Storari. La rete fa vibrare lo stadio che poco dopo viene gelato da uno scontro a metà campo tra Marrone e Hernanes, in cui il brasiliano ha la peggio riportando una brutta ferita alla tempia e perdendo per qualche secondo conoscenza. Il Profeta ha trascorso la notte all’ospedale Gemelli, ma le sue condizioni non destano preoccupazioni nonostante il leggero trauma cranico subito e i punti apportati per suturare la ferita.

Passato lo spavento è stata la Juventus a cercare con insistenza la via del pareggio, ma la difesa di casa ha giganteggiato fino al 91’, quando su una palla sporca in area, Radu si è addormentato consentendo a Vidal di battere Marchetti. Sembrano scontati i supplementari, ma la squadra di Petkovic ha mille risorse e centoventi secondi dopo si riporta avanti con Floccari che risolve una mischia su angolo battuto da Mauri. Nella bolgia dell’Olimpico, la Lazio si distrae di nuovo e Giovinco ha la palla del pareggio, ma trova sulla sua strada un super Marchetti e sulla respinta del portiere Marchisio mette fuori a porta vuota.

Dopo sette minuti di recupero Banti sancisce la fine e i biancocelesti possono pensare alla finale, dove se la vedranno con una tra Roma e Inter, ma Gonzalez ha le idee chiare: “Il mio sogno sarebbe vincere la Coppa battendo in finale la Roma, ma chiunque arrivi in finale noi ci faremo trovare pronti”. Anche il tecnico è dello stesso avviso: “Per il calcio sarebbe bello vedere un derby in finale. Straordinario come i ragazzi hanno cercato la vittoria, dobbiamo continuare così”.

Antoniomaria Pietoso