Rugby Sei Nazioni : Gli azzurri vanno alla conquista della Scozia

0
19

 

Appena il tempo di metabolizzare l’euforia per la vittoria contro la Francia che gli azzurri del rugby si presentano sul terreno di Murrayfield dove domani affronteranno la Scozia per la seconda gara del Sei Nazioni. Ieri il ct Jacques Brunel ha annunciato il 15 che andrà in campo, una formazione che, rispetto a quella di domenica scorsa, ha una sola novità, l’inserimento di Gonzalo Canale nella linea dei centri al posto di Alberto Sgarbi infortunato, con Gonzalo Garcia che sostituisce proprio Canale nella panchina italiana.

A scendere in campo nei primi 40 minuti saranno Masi, Venditti, Benvenuti, Canale, Mc Lean, Orquera, Botes, Parisse, Favaro, Zanni, Minto, Geldenhuys, Castrogiovanni, Ghiraldini e Lo Cicero, con Giazzon, De Marchi, Cittadini, Pavanello, Derbyshire, Gori, Burton e Garcia come riserve. Quella che si presenta davanti a capitan Parisse e compagni è una vera e propria occasione unica, conquistare due vittorie consecutive nel torneo, cosa che gli azzurri realizzarono solo nel 2007 (ma nella terza e quarta giornata del torneo) quando prima si imposero proprio a Murrayfield contro la Scozia (37-17), per ripetersi sette giorni dopo al Flaminio battendo il Galles per 23-20. Ma lo stesso ct azzurro Brunel, nel presentare la formazione, ha voluto smorzare gli entusiasmi.

«Sarà comunque una gara dura – ha confermato -. La Scozia metterà in campo tutte le sue energie per batterci ed evitare il cucchiaio di legno». Protagonista all’Olimpico Luciano Orquera, man of the match della gara contro la Francia. «Ormai abbiamo voltato pagina- ha commentato il numero 10 -. Da lunedì tutte le idee erano già focalizzate alla partita di Murrayfield. Sappiamo che questo è un match per noi importante, ma non pensiamo al risultato. Vogliamo proporre il nostro gioco, andare lì e fare il nostro lavoro, senza pensare al risultato o alla vittoria». La partita di domani segna anche due traguardi: i 100 cap di Andrea Lo Cicero e i 50 di Leonardo Ghiraldini. Per celebrare “il Barone” ci sarà una cerimonia prima del match con Lo Cicero che entrerà in campo per primo e poi tutto il resto della squadra.

La vittoria contro la Francia ha avuto un altro effetto positivo, il forte incremento di vendite di biglietti per i due match che l’Italia disputerà all’Olimpico, il 23 febbraio contro il Galles e il 16 marzo contro l’Irlanda. Negli ultimi giorni infatti la richiesta di tagliandi è quadruplicata rispetto alle settimane precedenti e sono già oltre 50.000 i biglietti venduti per Italia-Galles.

(Paolo Pizzi)