Rugby Sei Nazioni : Brunel chiama Mauro Bergamasco

0
19
 

Messa da parte l’amarezza per la sconfitta di Murrayfield la Nazionale azzurra di rugby si è ritrovata all’Acquacetosa per preparare la terza giornata del “Sei Nazioni”. Sabato pomeriggio allo stadio Olimpico l’Italia affronterà il Galles per riscattarsi dall’opaca prova con la Scozia. Un Galles galvanizzato dalla vittoria in casa della Francia, e che si presenta a questo torneo 2013 con il titolo conquistato lo scorso anno. Ad analizzare la situazione del gruppo ci pensa il team manager Luigi Troiani. Un’analisi che non può prescindere da quanto successo sabato scorso al capitano Sergio Parisse.

Nella gara tra Stade Francais e Bordeaux, il giocatore è stato infatti espulso “per insulti al direttore di gara”, e cioè comporterebbe la sospensione per Parisse sino al 27 febbraio, giorno in cui la commissione giudicante si riunirà per decidere la sua eventuale squalifica se fosse riconosciuto come autore delle parole carpite dall’arbitro. Ma Troiani lascia aperta ancora una speranza.

«Abbiamo visto le immagini, parlato con Sergio e sappiamo cosa ha detto l’arbitro – ha spiegato Troiani -. Il direttore di gara ha riportato di essere stato insultato in inglese dal numero otto dello Stade Francais, cosa che Sergio nega, ma sta di fatto che c’è stato un cartellino rosso e la giurisdizione francese prevede per l’espulsione la squalifica di 15 giorni.

Quello che noi pensiamo è che non sia stato Sergio a pronunciare quella frase, dato che in campo c’era anche un giocatore di lingua inglese, che può essersi lasciato sfuggire un’imprecazione per un’azione di gioco non riuscita. Parisse parlava di gioco, e in francese. Ma ora c’è da sperare che la commissione si riunisca il prima possibile. Sergio e lo Stade Francais hanno chiesto la possibilità che la commissione si raduni il 20 e in quel caso, con un giudizio positivo, avremo Parisse in campo. Noi però abbiamo detto ai ragazzi di pensare alla partita non alla situazione del capitano».

Per cautelarsi, nel caso di una possibile assenza di Parisse, coach Brunel ha convocato Mauro Bergamasco come trentunesimo uomo. Parlando dell’analisi tecnica del prossimo match il team manager azzurro ha aggiunto: «Sappiamo che ci aspetta un match duro ma siamo stati capaci di reggere una gara difficile come quella contro la Francia, che ci ha fatto capire che abbiamo i mezzi per lottare contro le grandi e sabato ci proveremo di sicuro. Per quanto riguarda la partita di Murrayfield l’abbiamo analizzata subito e per come la vedo io più che la condizione mentale, a determinare il risultato è stata una serie di errori tecnici».

Paolo Pizzi