Mezza Maratona Roma-Ostia, la carica dei 12.000

0
21
 

A tre giorni dal via prende forma la 39° edizione della Roma – Ostia, la “mezza maratona più partecipata d’Italia”.

Un’edizione, quella del 2013, partita con qualche difficoltà, ma che alla fine si conferma come un punto fermo del calendario podistico italiano. Nonostante lo spostamento di una settimana della corsa, prevista per il 24 febbraio ma slittata al 3 marzo per le elezioni, saranno infatti circa 12000 gli atleti che, domenica mattina, si presenteranno alla partenza di via Cristoforo Colombo per correre i 21 km e 97 metri sino alla rotonda di Ostia.

Una gara che, per la sua storia, richiama a Roma i migliori corridori della disciplina. Protagonista ancora una volta l’Africa, con il keniano Philemon Limo, vincitore della gara del 2012 in 59'32, che si ripresenterà al via per bissare il successo ottenuto dodici mesi fa. Ad aiutarlo in questa impresa suo fratello Kiprop Limo, appena ventenne, che lo scorso anno si piazzò al terzo posto, riuscendo a chiudere la gara con meno di trenta secondi di ritardo dal fratello maggiore.

Per cercare di battere i fratelli Limo al via anche il campione del Mondo del 2010 di mezza maratona Wilson Kiprop, anche lui keniano, accreditato del miglior tempo con il crono di 59'15. Tra le donne la gara dovrebbe giocarsi tra Agnes Kiprop, seconda lo scorso anno in 1h07'22”, l’olandese di origine africana Hilde Kibet e l’esperta Lydia Cheromei, con un personale di 1h07'23. Le speranze azzurre sono invece riposte sul campione italiano Stefano Larosa, e su Denis Curzi, alla prima esperienza in mezza maratona.

Nella gara femminile invece la migliore azzurra al via sembra essere Rosalba Console, portacolori delle Fiamme Gialle, che lo scorso anno ha preso parte alla maratona olimpica di Londra. Da questo pomeriggio gli atleti potranno ritirare il loro pettorale nella “casa Roma Ostia” al Salone delle Fontane dell’Eur.