Picchio De Sisti: «Il calcio? Non è solo tecnica, ma anche rispetto»

0
175
 

Dall’Atzeca alle aule di una scuola. Dall’Olimpico alla Cecchignola. Giancarlo Picchio De Sisti ha il calcio nel sangue e al collo l’argento mondiale della finale in Messico nel ‘70 e l’oro europeo di Roma ‘68. De Sisti ha compiuto da poco 70 anni ed è uno degli ambasciatori della Figc per il settore giovanile e scolastico: uno dei grandi saggi, in soldoni, che insieme a Gianni Rivera e a un “pool” di campioni promuove lo sport e il calcio tra i giovani.

«Un ruolo – dice – in cui mi ci ritrovo alla perfezione. Il calcio non è solo tecnica, ma anche e soprattutto comportamento in campo e rispetto, delle regole e degli avversari». E, in un mondo del calcio che sta assistendo a una veloce evoluzione, rimarca: «Lo scopo principale è divertirsi, non essere campioni a tutti i costi. Dobbiamo combattere la sottocultura che non ci fa essere buoni cittadini: le regole e gli insegnamenti dello sport sono gli stessi della vita». Picchio De Sisti, però, campione lo è stato per davvero, fino in fondo. Cinque anni di Roma, dal ‘60 al ‘65, poi la Fiorentina. Nove anni, un altro grandissimo amore. Subito la coppa Italia e la Mitropa (Coppa dell’Europa Centrale, ndr), poi lo scudetto.

«Firenze – dice senza mezzi termini – è la mia seconda Patria». La prima, inutile dirlo è Roma e la Roma. E proprio sull’attuale squadra giallorossa confida: «E’ ben messa, anche se punta ancora su un allenatore che è in qualche modo una scommessa. Osvaldo? E’ un grande attaccante, e poi direi che è arrivato il momento di dare spazio e fiducia a Destro. I giovani devono essere messi in squadra ». Centrocampista dalla vastissima visione di gioco, dotato di tecnica e tocchi brevi, semplicità, fosforo e polmoni, De Sisti ripensa a quella semifinale passata alla storia. «Di Italia-Germania ricordo tutto: dall’inno di Mameli all’ultimo minuto dei supplementari.

Il gol di Boninsegna dopo pochi minuti, il pareggio tedesco allo scadere e poi quell’extra time che ci ha fatto entrare nella leggenda». Un libro vivente: una storia nella storia. Giancarlo De Sisti è una colonna del calcio nazionale. Un rammarico? Probabilmente quella carriera da allenatore interrotta nel 1984 per un’infezione che lo stava per portare all’altro mondo. «Nella vita – dice con la modestia e con la trasparenza di pensiero che lo ha sempre contraddistinto – bisogna accontentarsi. Quella malattia mi stroncò la carriera da allenatore dopo i bellissimi anni alla Fiorentina. Poi ripartire fu difficile: qualche esperienza poco fortunata e poi l’avventura da commentatore».

Il calcio vissuto a 360°: gli anni di Anzalone, quelli di Liedholm e di Artemio Franchi: i Pontello e Costantino Rozzi. E ggi il calcio è sempre il leit motiv della vita di Giancarlo De Sisti. Oltre ad essere ambasciatore della Figc “Picchio” è anche il tecnico e selezionatore della nazionale parlamentari. «Compito complicato ma divertente», ammette. E veder sgroppare sul campo della Cecchignola Angelino Alfano, Enrico Letta e i loro colleghi deve essere uno spasso. «Pur sempre di calcio – confessa De Sisti – si tratta».

Marco Caroni

È SUCCESSO OGGI...

Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Tenta di investire l’ex compagna: sfiorata la tragedia per miracolo

Tenta di investire l'ex compagna davanti alla caserma dei Carabinieri, arrestato un uomo ad Aprilia. Un 27enne della provincia di Roma, al termine dell'ennesimo litigio avvenuto per questioni familiari, aveva inseguito l'ex convivente 28enne...

Frosinone, ritiro rifiuti ingombranti sabato 26 agosto

Sabato 26 agosto la campagna di sensibilizzazione per il ritiro dei rifiuti ingombranti, realizzata dal Comune di Frosinone in collaborazione con l’Impresa Sangalli, farà tappa nel parcheggio di piazzale Vienna (Quartiere Cavoni). Dalle 8...

Ciampino, distrugge il recinto di una casa e scappa simulando il furto di una...

La Polizia Locale di Ciampino ha denunciato a piede libero un cittadino, di nazionalità romena, che si è dato alla fuga dopo aver causato un incidente andando a urtare contro la recinzione di una...

Due terribili incidenti in poche ore: morte una 17enne e una 18enne

Incidente mortale poco dopo l'una della notte in via Tor Marancia 28, dove una Fiat 500, guidata da un giovane romano di 23 anni, per cause da accertare ha sbandato e colpito ad alta...

Ostia, trovano la moglie chiusa in bagno e lui con una lametta in mano

Aveva già scontato un periodo di detenzione per violenze domestiche, al termine del quale era stato riaccettato in casa dalla moglie, alla quale aveva promesso di  cambiare. Dopo un periodo di relativa calma, però, era...