AS Roma, rebus portiere per Sabatini. Spunta l’ipotesi Diego Alves

0
49
 

Se prima si parlava di “porte girevoli”, ora siamo alle “maniglie anti-panico”. Dopo la fatale scadenza del 30 giugno e l’apertura ufficiale del calciomercato, in casa giallorossa è tempo di rifondazione. E così, alla terza guida tecnica in tre anni, per uno strano gioco di arrivi e partenze, la Roma si ritrova in piena emergenza portiere.

Via il primo e il secondo della scorsa stagione, tornano in auge le vecchie glorie. Stekelenburg si è accasato al Fulham (per un’operazione che ha visto la Roma perdere, tra acquisto e cessione, una cifra vicina a 1 milione e 725 mila euro), mentre Goicoechea è stato rispedito al Danubio (scaduto il prestito, Sabatini non se l’è sentita di esercitare il diritto di riscatto fissato a 700 mila euro). A Trigoria invece ha consolidato il posto Bogdan Lobont, al quale l’ultima parte di stagione è fruttata un rinnovo triennale, che lo porterà a giocare almeno fino a 38 anni con la maglia giallorossa.

Chi infine spera di poter restare è Gianluca Curci. L’eterna promessa del settore giovanile giallorosso, passata da Siena, Sampdoria e Bologna, è rientrata alla base e ha subito messo le cose in chiaro: «Ho chiesto alla società di farmi allenare una settimana prima per riprendere la forma. Il mio futuro? Non so cosa succederà ma voglio giocarmi le mie carte». Come dire: se è vero che Rudi Garcia vuole lavorare con i nuovi calciatori prima di dare il via libera alle cessioni, perché non provarci?

Via libera o meno comunque, a Trigoria sanno bene che un portiere titolare è la base da cui lo stesso Garcia ha chiesto di ripartire. Le trattative però non sono decollate. Il Napoli ha infatti messo le mani su Rafael, che ha preferito andare a fare il secondo al San Paolo piuttosto che il titolare in giallorosso, mentre Julio Cesar, nonostante i messaggi d’amore, potrebbe rimanere in Premier o andare al Barcellona. La novità dell’ultimo momento è dunque il portiere del Valencia Diego Alves, ma qualora dovesse prevalere la linea verde del bilancio, è pronta l’ipotesi Viviano.

Vincenzo Nastasi